La pedogenesi

La formazione del suolo è frutto di lunghi processi (pedogenesi) che prevedono, in generale, l’alterazione (cioè la trasformazione) dei composti inorganici (minerali e rocce) e dei composti organici (piante e animali morti o sostanze da loro rilasciate, come foglie ed escrementi) presenti nella zona, la loro deposizione e la successiva formazione di nuovi minerali e nuove molecole organiche.
La composizione e la struttura finale di un suolo dipendono dai seguenti fattori:

  • la roccia madre (o matrice litologica), ossia il materiale di origine (rocce, argille, calcari, ecc.) del suolo;
  • il clima, che è considerato il maggiore responsabile della formazione e della definizione delle caratteristiche e delle proprietà del suolo;
  • l’acqua e la temperatura, che influenzano la maggior parte dei processi fisici, chimici e biochimici importanti nel corso della formazione del suolo maturo;
  • l’esposizione al sole;
  • l’attività delle entità biotiche (vegetazione, micro e macro fauna e flora);
  • il rilievo, definito dall’altitudine e dalla pendenza del terreno;
  • il tempo, in quanto i diversi prodotti dell’alterazione e la definizione delle caratteristiche del suolo si verificano in tempi più o meno lunghi;
  • l’attività umana.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità