La radiazione utile

Dell’enorme flusso di energia che arriva dal Sole sulla Terra solo una parte può essere trasformata in energia utile. La quantità di energia solare in arrivo sulla superficie terrestre che può essere utilmente “raccolta” dipende dall’irraggiamento del luogo. L’irraggiamento è infatti la quantità di energia solare incidente su una superficie unitaria in un determinato intervallo di tempo, tipicamente un giorno (si misura in chilowattora per metro quadro per giorno). Il valore della radiazione solare che arriva sull’unità di superficie (in determinato istante) viene invece denominato radianza (si misura in chilowatt per metro quadro). L’irraggiamento è influenzato dalle condizioni climatiche locali (nuvolosità, foschia, ecc.) e dipende dalla latitudine del luogo: come è noto cresce quanto più ci si avvicina all’equatore. In Italia l’irraggiamento medio annuo va dai 3,6 kWh per m2 al giorno della Pianura Padana ai 4,7 kWh per m2 al giorno del Centro-Sud, ai 5,4 kWh per m2 al giorno della Sicilia. In località favorevoli è possibile raccogliere annualmente circa 2.000 chilowattora da ogni metro quadro di superficie, il che è l’equivalente energetico di 1,5 barili di petrolio per metro quadro.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità