Evoluzione degli ominidi

Molte sono le testimonianze del processo evolutivo degli ominidi. In Etiopia, nel 1974 è stato ritrovato lo scheletro quasi completo di un ominide femmina, vissuto circa 3,5 milioni di anni fa; gli scienziati lo chiamarono Lucy. La forma della colonna vertebrale, delle ossa delle gambe, del bacino e degli arti indicano che Lucy camminava come noi. Nel 1978 a Laetoli (Tanzania), furono scoperte le impronte fossilizzate di tre esseri umani che avevano attraversato depositi di cenere di una recente eruzione vulcanica. Le impronte sono state datate tra il 3,6 e i 3,8 milioni di anni fa e rappresentano la prova più antica mai trovata dell’esistenza di primati che camminavano in posizione eretta.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità