I ghiacciai montani

Si tratta, per definizione, di corpi di ghiaccio che si trovano in ambiente di montagna. Possono essere classificati in molti modi, tenendo conto della posizione geografica, della forma, della temperatura. Le dimensioni non sono un criterio distintivo: si possono avere piccolissimi ghiacciai, come quello appenninico del Calderone, sul Gran Sasso d’Italia, poco più di un sottile lembo di neve vecchia (attualmente considerato praticamente “estinto”), oppure giganteschi “fiumi” di ghiaccio, lunghi diverse decine, persino centinaia di km, con spessori di ghiaccio di oltre 1000 m, come i grandi ghiacciai dell’Alaska, di cui il più esteso è il Ghiacciaio Bering, seguito dal Ghiacciaio Malaspina, che al suo sbocco in pianura si espande con il lobo pedemontano più grande del mondo.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità