Il micelio

I lieviti e alcuni funghi sono unicellulari, ma la maggioranza delle specie sono organismi pluricellulari, costituiti da masse di filamenti denominate ife che nel loro complesso formano il micelio, o corpo del fungo. Questa struttura si presenta diversificata in rapporto alle diverse funzioni che gli organismi devono assolvere. Nei funghi saprobi si possono osservare ife particolari, che prendono il nome di rizoidi, che servono ad ancorare il micelio al substrato (roccia, foglia o altro animale), mentre in alcuni funghi parassiti si sviluppano ife dette austori, che penetrano dentro le cellule dell’organismo ospite. La velocità di accrescimento delle ife che formano un micelio è assai elevata, tanto che in certi casi può raggiungere e superare un chilometro al giorno. Il micelio si può presentare in vario modo: attraverso ife singole e disperse o come un ammasso dall’aspetto cotonoso, talvolta attraverso forme elaborate come nel caso dei funghi commestibili (porcini, prataioli, chiodini). Questi presentano una struttura composta da gambo e cappello che emerge dalla superficie del terreno, mentre la parte che rappresenta la struttura riproduttiva del fungo si estende nel suolo.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità