Risparmio energetico in cucina

La lavastoviglie
Una lavastoviglie, per un ciclo di lavaggio a 65°C, consuma in media 20-30 grammi di detersivo e 1,5-2 kWh e produce circa 1 chilogrammo di anidride carbonica.
Ricordiamoci di non accostare questo elettrodomestico al frigorifero e di accertarsi della presenza del tasto BIO per l’utilizzo con detersivi privi di fosforo (elemento molto inquinante).
Alcuni pratici consigli:

  • pulire il filtro e i forellini dei bracci rotanti;
  • mettere regolarmente il sale nell’apposito contenitore perché l’impianto di decalcificazione rimanga efficiente;
  • utilizzare cicli di lavaggio economici o rapida a basse temperature (50°C al massimo);
  • rinunciare all’asciugatura con aria calda: risparmiamo il 45% di energia su un ciclo completo aprendo lo sportello e lasciando che le stoviglie si asciughino da sé, rappresenta circa il 5% dei consumi di energia elettrica per uso domestico.

Il frigorifero
Il frigorifero è l’elettrodomestico che rimane costantemente acceso e che consuma più di tutti gli altri: è importante che scegliamo un apparecchio con la capacità e le caratteristiche tecniche in base alle reali esigenze del nucleo famigliare (esempio: 100-150 litri per una persona, 220-280 litri per due persone). Non dimentichiamo che fino a poco tempo fa tutti i frigoriferi utilizzavano nei loro circuiti di raffreddamento i gas responsabili dell’assottigliamento della fascia di ozono.
Il frigorifero deve essere posizionato lontano da fonti di calore (lavastoviglie, forno, fornelli, termosifoni) e ad almeno a 10 centimetri dalla parete per assicurare la ventilazione necessaria alla serpentina. Questa deve essere ripulita periodicamente dalla polvere per assicurare un buon raffreddamento.
Alcuni consigli pratici:

  • controllare periodicamente la tenuta delle guarnizioni di gomma delle porte;
  • sbrinare il freezer quando lo strato di ghiaccio supera i 5 millimetri perché i consumi possono aumentare anche del 30%;
  • regolare il termostato in modo diverso a seconda della temperatura dell’ambiente;
  • non introdurre alimenti caldi o liquidi scoperti perché aumentano lo strato di ghiaccio sulle pareti;
  • evitare di riempire il frigorifero eccessivamente per lasciare all’aria la possibilità di circolare.

Il forno
Attualmente la tecnologia assicura ottime prestazioni di cottura e un notevole risparmio energetico utilizzando un forno a gas rispetto a quello elettrico. I modelli auto-ventilati permettono un riscaldamento più veloce e uniforme.
Alcuni consigli pratici:

  • utilizziamo tutti i ripiani del forno;
  • evitiamo di aprirlo durante la cottura;
  • è possibile spegnere il forno un po’ prima della fine cottura lasciando i cibi all’interno.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità