Campione di travestimento

In alcuni casi l’animale può addirittura imitare la forma degli elementi inanimati presenti nell’ambiente in cui vive e anche il colore del substrato.
Campione di mimetismo è sicuramente il polpo, mollusco cefalopode (che non deve essere confuso con il polipo che è quello del corallo!). Il polpo ha evoluto sistemi mimetici molto sofisticati, infatti, è capace di mutare i toni e l’intensità dei propri colori grazie a particolari cellule a forma di stella, chiamate cromatofori. Queste cellule contraggono o dilatano i pigmenti che vi si trovano all’interno, a seconda degli stimoli che l’animale percepisce, in questo modo possono regolare l’intensità cromatica della pelle. Questo invertebrato è capace anche di confondersi addirittura con le rocce vicine, imitando alla perfezione i rilievi appuntiti della zona in cui si trova. Una volta mimetizzato, può tranquillamente catturare le prede di cui si nutre, indisturbato.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità