Batteri autotrofi ed eterotrofi

A seconda del modo con il quale si procurano le due risorse fondamentali per la vita, l’energia ed il carbonio (necessario per la sintesi dei composti organici), i batteri si dividono in autotrofi ed eterotrofi. I procarioti autotrofi sono in grado di sintetizzare le molecole organiche a partire da molecole inorganiche, come l’anidride carbonica. L’energia necessaria per alimentare queste sintesi può essere fornita dalla luce o da altri composti chimici. I batteri che, come le piante, sfruttano l’energia solare sono detti fotoautotrofi, mentre si dicono chemioautotrofi quelli che ricavano l’energia dalle reazioni chimiche. I batteri che hanno bisogno di nutrirsi di molecole organiche già sintetizzate, come fanno tutti gli animali, si chiamano eterotrofi. Questi batteri sono capaci di alimentarsi praticamente di tutto.

Argomenti speciali

  • 4 marzo 2010

    Spazzini biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate...

  • 5 febbraio 2010

    Vita in condizioni estreme

    Nel 2001 i ricercatori del Cnr e dell'Università di Napoli, Bruno D'Argenio e Giuseppe Geraci, docenti di geologia...

  • 4 aprile 2013

    Metodo di datazione con il 14C

    La datazione dei reperti con il radiocarbonio...

Dalla Mediateca

  • la vita

    Composizione dei batteri intestinali

    Guarda
  • la vita

    Vari tipi di batteri

    Guarda
  • la vita

    Coltura di Streptococco

    Guarda

Curiosità