Gli artropodi

Gli artropodi sono il gruppo di animali più numeroso sulla Terra: sono state classificate più di un milione di specie di insetti e altri artropodi, mentre il numero degli individui di insetti oggi viventi può arrivare fino al miliardo di miliardi. Gli artropodi si trovano in numero abbondante in tutti gli habitat e si è calcolato che in un chilometro quadrato di una regione della zona temperata ci possono essere 20 milioni di artropodi distribuiti nella biosfera.
Insetti
La parola “insetto” deriva dal latino insectum, che vuol dire “tagliato”; infatti, il corpo di questi invertebrati è suddiviso in segmenti separati tra loro. Alla classe degli Insetti appartengono circa 1.000.000 di specie divise in 28 ordini tra cui: Lepidotteri (es. farfalla e falena; (vedi immagine “La Farfalla”), Coleotteri (es. maggiolino), Ditteri (es. mosca), Imenotteri (es. ape, vespa e formica), Ortotteri (es. cavalletta). Vengono anche chiamati “esapodi” che in greco significa “sei zampe”, infatti la caratteristica comune a tutti gli Insetti è quella di possedere sei arti. Possiedono uno scheletro esterno chiamato “esoscheletro”: quando l’insetto cresce, abbandona il rivestimento esterno vecchio, mentre al di sotto è già pronto quello nuovo. Generalmente i maschi e le femmine della stessa specie sono molto diversi tra loro, sia per dimensione sia per forma (dimorfismo sessuale). La fecondazione è interna e le femmine producono uova da cui nasceranno le larve. In alcune specie avviene la metamorfosi: la larva si impupa all’interno di un bozzolo, da cui ne uscirà soltanto quando sarà completamente matura.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità