dcsimg

pubblicato il 16 settembre 2022 in aria

Giornata internazionale per la preservazione dello strato di ozono 2022

L’ozono è un gas la cui molecola è costituita da tre atomi di ossigeno (O3), diverso quindi dall’ossigeno che respiriamo, che conta solo due atomi per molecola (O2). Eppure l’ozono è fondamentale per la vita perché la difende dalle radiazioni ultraviolette provenienti dal Sole. L’ozono forma uno strato nella atmosfera compreso tra 10 e 40 km di altezza che filtra la luce del Sole trattenendone la parte nociva.

Tra gli anni ’70 e ’80 del secolo scorso, gli scienziati rilevarono un assottigliamento dello strato di ozono sopra le regioni polari. La causa fu identificata nell’azione dei gas CFC (clorofluorocarburi) comunemente utilizzati come refrigeranti nei frigoriferi e come propellenti nelle bombolette spray. Nel 1987 fu firmato il Protocollo di Montréal che ha portato la graduale eliminazione del 99% della produzione di CFC.

Oggi grazie alla Giornata internazionale per la preservazione dello strato di ozono si celebrano 35 anni di successo del Protocollo di Montréal, un accordo che ha visto governi lavorare insieme per il bene comune. Istituita nel 1994, la Giornata mondiale per la protezione dello strato di ozono non a caso viene celebrata il 16 settembre. Infatti, il 16 settembre 1987 veniva siglato il Protocollo di Montreal, un accordo globale per mettere al bando i CFC e proteggere lo strato di ozono. Nonostante il problema del buco dell’ozono non sia ancora risolto, ad oggi il Protocollo di Montreal è uno degli accordi ambientali internazionali di maggior successo. Ricordiamo che il buco dell’ozono oggi è ancora alimentato dalle emissioni storiche: in atmosfera restano abbastanza cloro e bromo per distruggere lo strato di gas a certe altitudini.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006