dcsimg

pubblicato il 1 agosto 2022 in spazio

Il cielo di agosto

Ci troviamo nel pieno dell’estate e per molti è tempo di vacanze e di tempo libero da trascorrere all’aperto, magari contemplando il cielo stellato. Protagoniste della volta celeste in questo periodo sono le costellazioni estive, prima fra tutte la costellazione del Sagittario, una costellazione molto estesa e decisamente suggestiva, soprattutto in cieli privi di inquinamento luminoso, che permettono di individuarla nella sua interezza. Ospita il centro della nostra Galassia, a circa 30.000 anni luce dal Sistema Solare, e per questo motivo questa costellazione è un ottimo punto di riferimento per cercare oggetti del cielo profondo, alcuni osservabili anche con un buon binocolo. Utilizzando una mappa stellare per individuarli con più facilità, si possono osservare M24, detta anche Piccola Nube Stellare del Sagittario, un vasto insieme di stelle visibile con un binocolo, e gli ammassi aperti M25 e M23. Protagoniste del cielo settentrionale sono sempre l’Orsa Maggiore, con l’asterismo del Grande Carro e l’Orsa Minore, in cui si trova la Stella Polare. Non lontano si può riconoscere Cassiopea con la sua forma a “W”.

Il primo quarto di Luna apparirà il 5 agosto, seguito dalla Luna piena dello Storione una settimana dopo, il 12 agosto. Tale circostanza, sfortunatamente, andrà probabilmente ad influenzare in l’osservazione delle meteore Perseidi. Lo sciame meteorico per antonomasia raggiungerà la sua massima attività proprio nei giorni compresi tra l’11 e il 13 agosto. Bisognerà quindi aguzzare molto la vista per osservare le “stelle cadenti”.

Il cielo di agosto regalerà anche alcune congiunzioni planetarie serali e mattutine. Il termine congiunzione planetaria indica quando due o più pianeti o oggetti celesti appaiono vicini l’uno all’altro nel cielo. Tale vicinanza di pianeti è un’illusione ottica: in realtà, sono molto lontani l’uno dall’altro.

  • Luna – Saturno (notte tra 11 e 12 agosto): il Signore degli Anelli e la Luna Piena brilleranno insieme tra le stelle del Capricorno. Saranno visibili per tutta la notte, a partire da poco dopo il tramonto.
  • Luna – Giove (notte tra 14 e 15 agosto): la Luna già calante sorgerà assieme al gigante gassoso nella costellazione dei Pesci, non lontan9o dalla Balena.
  • Marte – Pleiadi (notte tra 17 e 18 agosto): dopo l’una di notte il Pianeta Rosso sorgerà a Nord-Est non lontano dall’ammasso stellare delle Pleiadi, nella costellazione del Toro. La Luna quasi all’Ultimo Quarto brillerà non molto lontano, tra le stelle dell’Ariete.
  • Luna – Venere (25 agosto): dopo le 5:20 una sottilissima falce di Luna calante sorgerà ad Est-Nord-Est, seguita poco dopo da Venere, tra le stelle del Cancro.

Per saperne di più guarda il video!

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006