dcsimg

pubblicato il 17 giugno 2022 in ecosistemi

Giornata mondiale contro la desertificazione e la siccità 2022

La siccità è uno dei disastri naturali che più mette alla prova la sopravvivenza degli esseri viventi. Esacerbata dal degrado del suolo e dai cambiamenti climatici, la siccità cresce ogni anno in frequenza e severità, con un aumento del 29% dal 2000 ad oggi e 55 milioni di persone interessate ogni anno. Secondo le stime, entro il 2050 la siccità potrebbe colpire tre quarti della popolazione mondiale. È un problema globale e urgente.

“Risorgiamo insieme dalla siccità” è il tema scelto per la Giornata Mondiale contro desertificazione e siccità 2022 (World Day to Combat Desertification and Drought). L’evento si celebra ogni anno il 17 giugno e oggi ha alle spalle ben 27 edizioni. Era infatti il 30 gennaio 1995 quando, a seguito dell’approvazione della Convenzione ONU per la lotta alla desertificazione (UNCCD), primo impegno mondiale e giuridicamente vincolate, le Nazioni Unite hanno deciso di indire una giornata di sensibilizzazione. Lo scopo? Mobilitare la volontà politica e le risorse per affrontare il problema, informando e sostenendo azioni di contrasto. Peccato che, dopo tanto tempo, i risultati appaiano ancora piuttosto marginali.

E lo dimostrano i dati pubblicati appena un mese fa dall’UNCCD nel report Drought in numbers. Dal 2000 il numero e la durata degli eventi siccitosi è aumentato del 29% a livello mondiale, al punto che la prolungata mancanza d’acqua è oggi il disastro naturale che conta il maggior numero di vittime: circa 650.000 morti dal 1970 al 2019. A cui si aggiungono oltre 2,3 miliardi di persone che fanno i conti annualmente con forti stress idrici.

“I recenti fenomeni di siccità denotano un futuro precario per il mondo. La carenza di cibo e acqua, così come gli incendi boschivi causati da una severa siccità, si sono tutti intensificati negli ultimi anni”.  (Ibrahim Thiaw, Segretario Esecutivo della UNCCD)

Quest’anno la celebrazione mondiale della Giornata contro la desertificazione e la siccità avrà luogo a Madrid, in Spagna. La Spagna è vulnerabile alla siccità, alla carenza d’acqua e ai fenomeni climatici ad esse connessi. Il Governo spagnolo è in prima linea nell’affrontare questi problemi e ha le migliori tecniche da condividere.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006