dcsimg

pubblicato il 14 dicembre 2021 in energia

Desert Bloom Hydrogen, un innovativo impianto per produrre idrogeno

L’Australia è pronta a produrre 410 mila tonnellate di idrogeno verde all’anno prelevando l’acqua necessaria dall’aria del deserto australiano, uno dei posti più aridi del pianeta. Tutto questo grazie al progetto Desert Bloom Hydrogen, che diventerà operativo nel 2023 con un impianto di piccola scala. Desert Bloom Hydrogen è un impianto integrato, costituito da una serie di unità di produzione di idrogeno (HPU) modulari e portatili, ognuna da 2 MW, che sono in grado di generare acqua, calore, elettricità e idrogeno. Ciò che rende innovativo questo impinto è la possibilità di catturare l’umidità atmosferica per fornire l’acqua necessaria alle celle elettrolitiche, risolvendo il problema dell’approvvigionamento idrico nelle zone aride.

Crediti: Aqua Aerem

Ogni unità HPU è costituita da:

  • un impianto fotovoltaico off-grid dedicato;
  • un impianto solare termico a concentrazione con collettori parabolici;
  • un’unità di produzione dell’acqua;
  • una cella elettrolitica.

Ogni unità è in grado di lavorare indipendentemente dalle altre, quindi possono essere collocate insieme o separatamente. Secondo le previsioni di Aqua Aerem, l’azienda che sta sviluppando il progetto, l’impianto crescerà di scala impiegando arrivando a pieno regime con 4.000 unità modulari di elettrolisi da 2MW ciascuna e una produzione di 410 mila tonnellate di idrogeno verde all’anno.
L’idrogeno verde prodotto sarà destinato sia al mercato interno australiano, sia all’export. Il sito si trova nell’entroterra dello stato del Territorio del Nord ma potrà contare su pipeline, trasporti e altre infrastrutture portuali presso la città di Darwin che renderanno presto possibile il commercio verso l’estero.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006