dcsimg

pubblicato il 2 luglio 2021 in terra

Pubblicato rapporto Fao sullo stato dei suoli

I suoli svolgono un ruolo fondamentale per mantenere gli equilibri ecologici degli ecosistemi e sono una risorsa senza la quale noi esseri umani non potremmo vivere. Innanzitutto garantiscono la produzione del 95% del cibo di cui si nutre l’umanità, poi, rappresentano il più grande deposito attivo di carbonio dopo gli oceani, rivestendo quindi un ruolo importantein ambito di cambiamenti climatici. I suoli del mondo però sono messi a rischio a causa di diverse attività umane, come emerge dal report “Global assessment of soil pollution” che la Fao e l’Unep hanno presentato a giugno. Le attività che maggiormente inquinano e depauperano i suoli sono le pratiche agricola non sostenibili, le attività industriali ed estrattive, la gestione non corretta dei rifiuti, che sono causa di diffusione di contaminanti quali metalli pesanti e pesticidi.

Come si legge nella presentazione del rapporto, “l’inquinamento del suolo è invisibile all’occhio umano, ma compromette la qualità del cibo che mangiamo, dell’acqua che beviamo e dell’aria che respiriamo e mette a rischio la salute umana e ambientale”. L’attuale stato di salute del suolo minaccia il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu come la fame zero, l’accesso universale all’acqua potabile la tutela della biodiversità. Se consideriamo il settore agricolo, per esempio, scopriamo che l’inquinamento del suolo ha come conseguenza la riduzione tra il 15 e il 25 % della produttività agricola, poichè minaccia la sopravvivenza degli impollinatori e degli insetti necessari per la riproduzione delle piante. La perdita di biodiversità ha a sua volta come conseguenza  l’aumento di parassiti e le malattie che attaccano le piante e quindi una diminuzione delle rese, cosa che rende gli agricoltori sempre più dipendenti dai pesticidi. Questo circolo vizioso continua ad autoalimentarsi con importanti ripercussioni sulla salute e sull’economia.

Il rapporto Fao, oltre a esaminare nel dettaglio le cause di inquinamento e lo stato dei suoli nelle diverse aree del mondo, si conclude con un capitolo dedicato alle azioni da intraprendere per evitare che questo processo di degrado diventi irreversibile.

Per approfondire con eniscuola:

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006