dcsimg

pubblicato in ecosistemi

Madrepore

I coralli o madrepore appartengono agli Cnidari, animali che possiedono gli cnidociti, cellule urticanti presenti sui tentacoli e intorno alla bocca, con funzione di difesa e di cattura della preda. Queste cellule sono vescicole contenenti un liquido urticante ed un filamento cavo avvolto a spirale (cnidociglio). Se lo cnidociglio viene a contatto con un corpo estraneo, come ad esempio una preda, la cellula si contrae e il filamento si estroflette, rovesciandosi come un dito di guanto, ed inietta il liquido urticante di cui è piena la vescicola. Il liquido iniettato nella preda può uccidere o tramortire piccoli animali; nell’uomo causa arrossamento e bruciore della pelle, come accade con la puntura delle ortiche.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006