Trattamento e recupero

Per il suo potere assorbente, la sua capacità tampone, l’intensa attività biotica che in esso si svolge, il suolo è incline all’autodepurazione o, quanto meno, è in grado di smorzare gli effetti negativi derivanti dall’immissione di sostanze inquinanti. E’ evidente che la capacità autodepurante del suolo ha un limite. Se l’inquinamento supera questo limite il suolo può perdere la sua funzione di “filtro” in modo irreversibile, causando notevoli danni. A differenza dell’atmosfera e delle acque che, una volta rimosse le fonti di inquinamento, si decontaminano in tempi relativamente brevi, il terreno, pur possedendo un elevato potere di autodepurazione mediante meccanismi chimici, fisici e biologici, resta contaminato per tempi assai lunghi.
È stato osservato, infatti, che, per ridurre apprezzabilmente il contenuto in metalli pesanti di un terreno inquinato, non sono sufficienti quantità di acque corrispondenti a quelle di diversi decenni di piogge.
La presenza nel suolo di composti inquinanti, soprattutto se caratterizzati da elevata tossicità, può costituire un rischio per la salute umana e per l’ambiente tale da richiedere un intervento di risanamento da parte dell’uomo. La bonifica di un suolo può consistere nell’inattivazione o degradazione degli inquinanti (sono trasformati in sostanze meno pericolose o non pericolose del tutto) o nella loro rimozione mediante trattamenti chimici, fisici e biologici. La bonifica interessa generalmente i suoli agrari e le aree limitrofe a insediamenti industriali e a discariche abbandonate.

Argomenti speciali

  • 13 maggio 2013

    Piccoli passi, grandi impronte

    Quanto suolo consumiamo con il nostro stile di vita?...

    3 dicembre 2006

    Agricoltura sostenibile

    L’agricoltura è l’attività principale dell’uomo...

    10 maggio 2008

    Bioindicatori ambientali

    La ricerca ecologica è sempre più orientata verso la valutazione della qualità dell’ambiente e delle sue risorse.

  • 10 marzo 2006

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

    10 gennaio 2007

    L’uomo e la montagna

    Le antiche popolazioni che vivevano ai piedi delle montagne...

    7 gennaio 2010

    Alpi e Appennini

    Dalle parole greche oros (montagna) e genesis...

  • 18 maggio 2009

    Sauropodi

    Lunghi 40 metri e alti 17, pacifici ma immensi...

    10 novembre 2011

    Frane

    Studiando i fenomeni franosi, è opportuno distinguere quello che è il rischio...

    2 ottobre 2011

    Il rischio idrogeologico

    Ai lati dei corsi d’acqua troviamo una zona pianeggiante chiamata piana d’inondazione...

  • 13 maggio 2013

    Piccoli passi, grandi impronte

    Quanto suolo consumiamo con il nostro stile di vita?...

    3 dicembre 2006

    Agricoltura sostenibile

    L’agricoltura è l’attività principale dell’uomo...

  • 10 maggio 2008

    Bioindicatori ambientali

    La ricerca ecologica è sempre più orientata verso la valutazione della qualità dell’ambiente e delle sue risorse.

    10 marzo 2006

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

  • 10 gennaio 2007

    L’uomo e la montagna

    Le antiche popolazioni che vivevano ai piedi delle montagne...

    7 gennaio 2010

    Alpi e Appennini

    Dalle parole greche oros (montagna) e genesis...

Dalla Mediateca

Curiosità