Un lago rosso fuoco

Il lago di Tovel nel Trentino è noto in tutto il mondo per l’eccezionale fenomeno dell’ “arrossamento delle sue acque” che si verificava fino a non molto tempo fa nelle sue acque. Durante le ore più calde di alcune giornate estive, ampie porzioni della superficie lacustre assumevano un’intensa colorazione rossa, dando vita ad uno scenario incredibile. La spettacolare colorazione era dovuta alla forte concentrazione raggiunta da un’alga unicellulare appartenente ai dinoflagellati, il Glenodinium sanguineum (chiamato anche Woloszynskya coronata). Questa alga, lunga appena 1/50 di mm, in particolari condizioni di stress accumula speciali pigmenti, chiamati carotenoidi, che la fanno apparire completamente rossa. Il 1964 è l’ultimo anno in cui il fenomeno dell’arrossamento si è presentato con la consueta intensità; da allora l’alga, pur rimanendo presente nel lago, non ha più raggiunto la concentrazione necessaria ad “infuocarne” le acque. Dal 2001 la Provincia Autonoma di Trento finanzia un progetto di ricerca per poter interpretare i fattori responsabili del mancato arrossamento delle acque del Lago di Tovel.
Il progetto non ha lo scopo di ripristinare le condizioni che nel passato portavano alla fioritura dell’alga. Si intende solamente acquisire tutte le informazioni e conoscenze riguardanti la peculiarità del lago di Tovel, e ciò per consentire agli amministratori locali di effettuare le migliori scelte circa il futuro destino del lago. Il lago di Tovel, infatti, si trova in un’incantevole località, che è meta di turisti ed escursionisti come molti dei laghi alpini, è una preziosa riserva idrica per l’agricoltura delle vallate trentine, una riserva di acqua potabile; per non parlare del valore aggiunto costituito dal fenomeno dell’arrossamento delle sue acque.

Argomenti speciali

  • 4 marzo 2010

    Spazzini biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate...

    5 febbraio 2010

    Vita in condizioni estreme

    Nel 2001 i ricercatori del Cnr e dell'Università di Napoli, Bruno D'Argenio e Giuseppe Geraci, docenti di geologia...

    4 aprile 2013

    Metodo di datazione con il 14C

    La datazione dei reperti con il radiocarbonio...

  • 2 luglio 2014

    Bufala? No grazie, preferisco informarmi!

    Le bufale sono cresciute insieme a internet...

    31 agosto 2013

    Italiani in pericolo

    Specie a rischio di estinzione...

    15 settembre 2021

    Si può essere intelligenti senza cervello?

    Si può essere intelligenti senza cervello? La risposta è “in un certo senso sì” e lo dimostra uno strano organismo…

  • 26 luglio 2021

    La Popilia e altri alieni

    C’è un maggiolino che da qualche tempo invade campagne e città italiane, un piccolo insetto con iridescenze verdi e brune…

    16 giugno 2021

    Vita da tartaruga

    Il 16 giugno si celebra la Giornata Mondiale delle tartarughe marine. Istituita per la prima volta nel 2008, l'iniziativa è oggi…

    10 giugno 2021

    Il mondo di sotto

    Viaggio al centro della Terra è un famoso romanzo di fantascienza scritto dal grande Jules Verne nel 1864 ed è…

  • 4 marzo 2010

    Spazzini biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate...

  • 5 febbraio 2010

    Vita in condizioni estreme

    Nel 2001 i ricercatori del Cnr e dell'Università di Napoli, Bruno D'Argenio e Giuseppe Geraci, docenti di geologia...

  • 4 aprile 2013

    Metodo di datazione con il 14C

    La datazione dei reperti con il radiocarbonio...

Dalla Mediateca

Curiosità