Trattamento e stoccaggio

Appena estratto, il greggio è costituito da una miscela di idrocarburi e contiene acqua, gas disciolto, Sali, zolfo e sostanze inerti come sabbia e metalli pesanti. Prima di essere immesso negli oleodotti, l’olio estratto deve subire una serie di trattamenti, quali il degasamento, la disidratazione, la desalificazione e la desolforazione.
Durante la fase di degasamento, l’olio viene separato dal gas a cui è associato nel giacimento. Per far ciò, il greggio viene fatto transitare all’interno di 3-4 separatori in serie, avvero particolari recipienti in pressione. Questa separazione a più stadi consente di recuperare al massimo gli idrocarburi liquidi.
Durante la fase di disidratazione viene eliminata l’acqua presente nel greggio. L’acqua può essere “libera” o sotto forma di emulsione: nel primo caso l’acqua può essere facilmente separata per differenza di densità usando un separatore, nel secondo caso, la separazione è più complessa e può avvenire grazie all’utilizzo di prodotti chimici emulsionanti (tensioattivi) o con il riscaldamento della miscela.
Un altro importante processo di trattamento che normalmente il greggio deve subire è quello della desolforazione. Molto spesso, infatti, il greggio contiene idrogeno solforato, un gas tossico molto corrosivo, che deve essere eliminato. Il processo più utilizzato è il cosiddetto “strippaggio”, che consiste nel far gorgogliare in controcorrente, all’interno di speciali recipienti cilindrici verticali (stripping tower), il gas dolce e il greggio. In questo modo il gas dolce sottrae l’idrogeno solforato al greggio.
Il processo di de salificazione, infine, serve per rimuovere il cloruro di sodio ed eventuali sedimenti dal greggio. Questo processo permette anche di rimuovere altri contaminanti solubili in acqua, come carbonati o solfati, oltre ai cloruri di metalli pesanti.
Dopo aver subito i vari trattamenti il greggio normalmente viene stoccato in serbatoi cilindrici in acciaio dotati di impianto di raffreddamento, antincendio e di un bacino di contenimento in caso di rottura, in attesa di essere trasportato alle raffinerie mediante petroliere e oleodotti.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità