Agricoltura mediterranea

L’olivo è la specie arborea di origine spontanea maggiormente coltivata nella regione della macchia mediterranea, ed è un elemento di notevole importanza nell’economia dei suoi abitanti. Tuttavia, altre due specie originariamente spontanee devono essere citate per il loro utilizzo: la sughera e il carrubo. Altre importanti coltivazioni sono quelle di cereali, leguminose, alberi da frutta, vegetali e piante da insalata. Olio e vino sono i prodotti di derivazione agricola più importanti su cui si basa l’economia delle zone di macchia.
La sughera
Le foreste di sughere sono strettamente legate alle condizioni climatiche di alcune aree mediterranee. Queste foreste sono caratterizzate da popolamenti sparsi che formano sistemi agro-silvo-pastorali con grande ricchezza floristica e faunistica. In particolare la flora spontanea, molto ricca di piante aromatiche e medicinali, può aumentare il valore delle sughere. Molte specie vegetali che crescono in questa foresta, a causa della loro varietà e del lungo periodo di fioritura, sono un ottimo approvvigionamento per le api. Il sughero è raccolto esclusivamente dal tronco e la sua produzione si è espansa significativamente negli ultimi anni, infatti le nuove foreste di sughere raggiungono quasi i 120.000 ettari.
L’olivo 
L’olivo, probabilmente nativo della Siria, fu introdotto in Asia minore, Egitto, Grecia, Italia e altri paesi della regione mediterranea. L’uomo, con le sue coltivazioni, ha aumentato significativamente la distribuzione geografica di questa pianta, che oramai si estende dal centro-sud della Francia alle zone presahariane. La specie mediterranea, Olea europea, è distinta in due sottospecie, l’oleastro od olivo selvatico (Olea oleaster), e l’olivo coltivato o domestico (Olea sativa). L’olivo domestico è un albero di dimensioni maggiori del selvatico, con statura in media fra i 4 e i 12 metri, ma che può raggiungere anche i 20 metri qualora le condizioni di clima e di terreno siano ottimali. Il fusto è grosso, i rami sono arrotondati, lisci e senza spine, la chioma è solitamente ben sviluppata e slanciata. I rametti dell’olivo sono flessibili e talvolta pendenti, le foglie, lanceolate, sono verdi e prive di peli nella parte superiore, bianco-lucenti in quella inferiore. I frutti dell’olivo coltivato sono grossi, polposi, ricchi di olio, ma meno numerosi che nel selvatico e sempre in numero limitato rispetto a quello dei fiori.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

  • ecosistemi

    Fiori della macchia mediterranea

    Guarda

    ecosistemi

    Piante della macchia mediterranea

    Guarda

    ecosistemi

    Ginepro coccolone

    Guarda
  • ecosistemi

    La serpentaria

    Guarda

    ecosistemi

    Fondali del Mar Mediterraneo

    Guarda

    aria

    Impatti attesi dai cambiamenti climatici nell’area mediterranea

    Guarda
  • ecosistemi

    Macchia mediterranea nel mondo

    Guarda

    ecosistemi

    Isola di Chrissi

    Guarda

    ecosistemi

    Parchi naturali

    Guarda
  • ecosistemi

    Fiori della macchia mediterranea

    Guarda

    ecosistemi

    Piante della macchia mediterranea

    Guarda
  • ecosistemi

    Ginepro coccolone

    Guarda

    ecosistemi

    La serpentaria

    Guarda
  • ecosistemi

    Fondali del Mar Mediterraneo

    Guarda

    aria

    Impatti attesi dai cambiamenti climatici nell’area mediterranea

    Guarda
  • ecosistemi

    Fiori della macchia mediterranea

    Guarda
  • ecosistemi

    Piante della macchia mediterranea

    Guarda
  • ecosistemi

    Ginepro coccolone

    Guarda

Curiosità