Il livello di base

La peculiarità del livello di base, che ci permette di entrare nei sistemi carsici attraverso sorgenti e risorgenti, è il fatto che non è un livello fisso e immutabile, ma varia nel tempo (geologico): tende, in generale, ad abbassarsi progressivamente, seguendo l’approfondirsi delle incisioni vallive. Quando una valle incide la zona satura di un sistema carsico, i condotti saturi d’acqua della grotta si svuotano, lasciando fuoriuscire l’acqua contenuta: si formano così le sorgenti carsiche, che normalmente si trovano in corrispondenza del livello di base, sui fondovalle, a volte concorrendo ad alimentare direttamente i corsi d’acqua, a volte dando origine a valli chiuse.
Un successivo approfondirsi dell’incisione valliva causa la formazione di sorgenti a quota più bassa e la fossilizzazione delle sorgenti più antiche, che restano sospese sul fondovalle. In corrispondenza di eventi di piena eccezionali, quando le sorgenti  a quote inferiori non sono in grado di smaltire le grandi quantità di acqua che vi giungono, è possibile che il livello dell’acqua all’interno delle grotte si innalzi e che le acque, invadendo le gallerie superiori, normalmente fossili, tornino temporaneamente a fuoriuscire dalle antiche sorgenti, che prendono il nome di sorgenti di troppo pieno. Anche in questo caso, la conoscenza del comportamento dei sistemi carsici e della struttura geologica è molto importante per prevedere possibili problemi idrogeologici: la riattivazione di antiche gallerie e sorgenti, infatti, è spesso improvvisa e difficile da prevedere, se non si conoscono la struttura e il comportamento del sistema carsico.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità