Animali della foresta temperata

Al contrario della foresta tropicale, in questo bioma si trova un numero limitatissimo di mammiferi, a causa della mancanza di una complessa serie di strati e della natura stagionale della vegetazione. Durante l’autunno, gli animali di questo bioma si alimentano e raccolgono provviste per l’inverno; in particolare prediligono noci e semi alati che si conservano infatti per lungo tempo. I frutti del melo, della rosa, del biancospino, dell’uva spina e altri, invece, tendono a maturare tutti nello stesso periodo (verso la fine dell’estate), e quindi sono utilizzati durante l’estate per accumulare riserve di grasso.
Molti mammiferi e uccelli hanno escogitato numerose strategie per sopravvivere al rigore dell’inverno, infatti, molte specie dormono per l’intero periodo invernale, ben protetti nelle loro tane. Alcuni animali entrano in una vera e propria ibernazione; la temperatura corporea cala e il metabolismo viene ridotto al minimo; le riserve di grasso accumulate sono comunque sufficienti a mantenere in vita l’animale; adottano questa strategia i ricci e i topolini. Gli scoiattoli, gli orsi e i tassi, invece, non riducono la temperatura del corpo, ma durante l’inverno entrano in uno stato di torpore cui alternano brevi momenti di veglia.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

Curiosità