Three… two…one… Go!

Come si lancia una sonda nello spazio? Per riuscire a proiettare qualsiasi oggetto nello spazio, o anche semplicemente a metterlo in orbita intorno alla Terra, è necessario fornirgli una spinta in grado di sollevarlo da terra e di accelerarlo fino a una velocità di circa 36000 km/h, circa 40 volte la velocità di un aereo di linea.
A questo scopo si utilizzano speciali razzi, detti lanciatori, capaci di liberare una spinta sufficiente a vincere il loro stesso peso. La tecnica è molto semplice: il gas, prodotto dalla combustione nel motore del cosiddetto propellente, viene  espulso ad una velocità di circa 16000 km/h verso il basso e, a sua volta, per rinculo, spinge il razzo verso l’altro. Ovviamente per produrre una tale spinta deve essere espulso molto gas e quindi devono essere usate decine di tonnellate di propellente. Come in un gioco a incastro però, più propellente si brucia, maggiore spinta si riesce a generare, ma nello spesso tempo il carico complessivo da sollevare e portare in quota aumenta. Non bisogna dimenticare che non deve essere sollevato solo il satellite, ma l’intera struttura, compresi i serbatoi pieni di propellente.
Per fare un esempio: il lanciatore europeo Ariane 5 è in grado di spingere e mettere in orbita un satellite di circa 6 tonnellate. Ma l’intero Ariane 5 ha una massa totale di 750 tonnellate, 120 volte maggiore del suo carico utile!
Si può ovviare al problema carico, permettendo un maggior peso, semplicemente scegliendo con cura il luogo da cui verrà lanciato il razzo; infatti, non tutti i luoghi della Terra sono equivalenti. Il nostro pianeta si comporta come una trottola che gira su se stessa in circa 24 ore ed non essendo sferica, luoghi a latitudine diversa percorrono circonferenze che aumentano man mano che dai poli ci si sposta verso l’equatore. E poiché tutti i punti della Terra impiegano lo stesso tempo a compiere un giro completo, un punto situato all’equatore si muove a velocità maggiore. Il gioco è fatto: se il lancio viene effettuato all’equatore, la rotazione della Terra si comporta esattamente come una fionda permettendo un notevole risparmio di carburante.

Argomenti speciali

Dalla Mediateca

  • spazio

    Numero di esopianeti scoperti

    Guarda

    spazio

    Cratere Vastitas Borealis di Marte

    Guarda
  • spazio

    Kasei Valles (Marte)

    Guarda

    spazio

    La cagnolina Laika

    Guarda
  • spazio

    La Mars Global Surveyor

    Guarda

    spazio

    La missione Cassini – Huygens

    Guarda
  • spazio

    Numero di esopianeti scoperti

    Guarda
  • spazio

    Cratere Vastitas Borealis di Marte

    Guarda
  • spazio

    Kasei Valles (Marte)

    Guarda

Curiosità

  • I neutrini

    I neutrini sono particelle neutre ed estremamente leggere...

  • La coda delle comete

    Le comete sono “palle di neve sporca” che passano...

  • Pianeta nano

    L'astronomia, come tutte le discipline scientifiche...