Le proprietà fisiche

L’acqua ha un elevato calore specifico, ossia richiede molto calore prima di riscaldarsi, e, al contrario, impiega molto tempo prima di perdere il calore accumulato e raffreddarsi. Ecco perché viene impiegata nei sistemi di refrigerazione (ad esempio nel radiatore delle autovetture, o nei sistemi di raffreddamento degli impianti nelle industrie). Ed è per questa sua caratteristica che nelle regioni costiere (o lacustri) la temperatura dell’aria è più mite: in queste zone, infatti, la temperatura dell’acqua diminuisce o aumenta più lentamente rispetto a quella dell’aria al variare delle stagioni e così ‘mitiga’ la temperatura dell’aria sovrastante.
L’acqua ha un’elevata tensione superficiale: ossia, una volta versata su una superficie liscia, tende a formare gocce sferiche e non ad espandersi in una sottile pellicola. Senza la forza di gravità, una goccia d’acqua assumerebbe una forma sferica perfetta.
La capillarità è un’altra caratteristica dell’acqua ed è una diretta conseguenza della tensione superficiale. Consiste nella capacità dell’acqua di risalire in fessure e tubi sottilissimi.
La tensione superficiale e quindi anche la capillarità consentono alle piante di assorbire, attraverso le radici, l’acqua presente nel suolo. Sempre grazie alla tensione superficiale il sangue, composto in gran parte da molecole dell’acqua, riesce a scorrere, attraverso il sistema sanguigno, all’interno del nostro corpo.
Solo acqua liquida?
L’acqua, inoltre, si presenta normalmente allo stato liquido, ma può facilmente passare anche allo stato solido o allo stato gassoso.
L’acqua pura passa dallo stato liquido a quello solido, ossia gela, a 0°C. A livello del mare, invece, bolle a 100°C (più si sale in quota, minore è la temperatura alla quale l’acqua inizia a bollire). I punti di ebollizione e di congelamento dell’acqua sono usati come riferimento per tarare i termometri: nella scala centigrada lo 0° corrisponde al punto di congelamento e i 100° al punto di ebollizione.
L’acqua, quando gela, si dilata, ossia riduce la sua densità a parità di volume: questo è il motivo per cui il ghiaccio galleggia sull’acqua o una bottiglia piena d’acqua messa in freezer si spacca.
L’acqua è una risorsa naturale particolare in quanto è l’unica, sul nostro pianeta, che si presenta in tutti e tre gli stati fisici a seconda della temperatura circostante: liquido, solido (ghiaccio) e gassoso (vapore acqueo). L’insieme dei processi che consentono all’acqua di lasciare gli oceani, immettersi nell’atmosfera, raggiungere le terre emerse, per poi ritornare agli oceani, va sotto il nome di ciclo dell’acqua ed è alimentato dall’energia del Sole.

Argomenti speciali

  • 15 aprile 2014

    Quanto siamo ricchi…di oro blu?

    Impronta idrica, disponibilità e usi a livello planetario...

    26 febbraio 2014

    Quanta acqua c’è nel piatto?

    Impronta idrica e consumi...

  • 8 luglio 2011

    Indovina chi viene a cena

    Alla fine è arrivata la tanto attesa estate...

    4 marzo 2016

    Spazzini Biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate alla produzione di energia generata dalla combustione del petrolio.

  • 24 gennaio 2020

    L’Italia delle fonti rinnovabili

    Il quadro delle fonti alternative in Italia...

    10 marzo 2016

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

Dalla Mediateca

  • acqua

    Disponibilità di risorse idriche a livello planetario

    Guarda
  • acqua

    Il ciclo dell’acqua

    Ascolta
  • acqua

    Mappa scarsità idrica

    Guarda

Curiosità

  • L’acqua nell’organismo

    In alcuni organismi l’acqua può arrivare a costituire il 90% del loro peso totale...

  • Niño e Niña

    La <strong>corrente oceanica di Humbolt</strong> risale in direzione nord seguendo le coste...

  • Acqua in percentuale

    Solo il 3% delle riserve complessive di acqua è costituito da acqua...