Le correnti marine

Masse enormi di acqua si spostano per lunghe distanze a causa dell’azione del vento. La direzione del movimento è dovuta alla rotazione terrestre (forza di Coriolis) che ne determina movimenti circolari. Nell’oceano Atlantico venti regolari e costanti, gli Alisei, spostano masse superficiali d’acqua verso l’equatore dove vengono deviate dalla forza di Coriolis verso ovest (corrente nord equatoriale); quando raggiungono il continente americano vengono sospinte verso nord e si accumulano nel Golfo del Messico. Le acque continuano a defluire verso l’Atlantico e formano la corrente del Golfo che segue la costa degli Stati Uniti per suddividersi poi in due parti: una si dirige verso le Canarie e riprende il giro descritto, l’altra si muove verso nord est, raggiunge le coste nord occidentali dell’Europa e ne mitiga il clima. Nelle zone polari le acque si raffreddano, diventano più dense e cadono in profondità dove si muovono verso l’equatore. Man mano si scaldano, diventano meno dense e più leggere, e tenderanno a risalire in superficie. Questo movimento, che forma le correnti marine profonde, è molto lento: il tempo necessario perché una massa d’acqua sprofondata ritorni in superficie è anche di un migliaio di anni.
Il mare Mediterraneo è molto salato rispetto all’oceano Atlantico, perciò le sue acque sono più dense. Le masse d’acqua del Mediterraneo scendono in profondità e passano nell’Atlantico attraverso lo stretto di Gibilterra; le acque dell’oceano, più leggere entrano nel Mediterraneo muovendosi in superficie. Il mar Nero è in collegamento con il mar Egeo attraverso lo stretto del Bosforo e i Dardanelli, che supera in superficie perché le sue acque sono meno dense e meno salate. L’acqua proveniente dal mar Egeo è densa e si muove sul fondo, ma non riesce a raggiungere il mar Nero perché il Bosforo non è abbastanza profondo; di conseguenza il ricambio di acqua del mar Nero è scarso e limitato.

Argomenti speciali

  • 15 aprile 2014

    Quanto siamo ricchi…di oro blu?

    Impronta idrica, disponibilità e usi a livello planetario...

    26 febbraio 2014

    Quanta acqua c’è nel piatto?

    Impronta idrica e consumi...

  • 8 luglio 2011

    Indovina chi viene a cena

    Alla fine è arrivata la tanto attesa estate...

    10 marzo 2016

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

  • 24 gennaio 2020

    L’Italia delle fonti rinnovabili

    Il quadro delle fonti alternative in Italia...

    4 marzo 2016

    Spazzini Biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate alla produzione di energia generata dalla combustione del petrolio.

Dalla Mediateca

  • acqua

    Disponibilità di risorse idriche a livello planetario

    Guarda
  • acqua

    Il ciclo dell’acqua

    Ascolta
  • acqua

    Mappa scarsità idrica

    Guarda

Curiosità

  • L’acqua nell’organismo

    In alcuni organismi l’acqua può arrivare a costituire il 90% del loro peso totale...

  • Niño e Niña

    La <strong>corrente oceanica di Humbolt</strong> risale in direzione nord seguendo le coste...

  • Acqua in percentuale

    Solo il 3% delle riserve complessive di acqua è costituito da acqua...