Risparmio idrico in agricoltura

Spesso gran parte dell’acqua attinta per scopi irrigui non arriva alle colture, a causa di perdite lungo le tubature che la trasportano dal punto di prelievo ai campi. Dell’acqua che arriva ai campi, solo una parte viene utilizzata per la crescita delle colture, la restante viene persa per evapotraspirazione e per infiltrazione nel terreno. Per risparmiare acqua in agricoltura esistono diverse strategie, che, integrate fra loro, possono incrementare il risparmio idrico.
Una delle maniere più efficaci per evitare di sprecare acqua è quella di irrigare le colture in base alle reali esigenze della pianta e nel giusto momento. Una precisa valutazione dei volumi d’acqua e dei tempi di irrigazione, rendono più efficiente l’uso dell’acqua, poiché si riducono i volumi necessari per il raggiungimento delle migliori produzioni. Il calcolo del bilancio idrico delle colture è il metodo più preciso, economico e semplice per valutare la quantità d’acqua necessaria a colmare la differenza tra l’acqua consumata dalle colture per evapotraspirazione e quella che giunge alle piante con le piogge, dalle falde superficiali e per risalita capillare nel terreno. Questo metodo, pur essendo preciso, è laborioso e spesso difficilmente applicabile, specialmente nei periodi di massimo lavoro di un’azienda agricola. Per questo motivo sono stati ideati dei software che indicano giornalmente agli agricoltori quando e quanto irrigare le diverse colture.
Il riutilizzo delle acque reflue per l’irrigazione è una possibilità che offre grandi vantaggi, soprattutto a fronte della crescente urbanizzazione. Le acque reflue urbane, opportunamente trattate, possono essere convogliate verso le aree agricole per l’irrigazione. Le acque reflue, inoltre, forniscono alle colture anche azoto, parte del fosforo e del potassio necessari per la produzione agricola. Il riutilizzo delle acque reflue limita il prelievo delle acque superficiali e sotterranee, riduce l’impatto degli scarichi sui fiumi e favorisce il risparmio idrico.
L’irrigazione a goccia rappresenta uno dei metodi irrigui più efficienti e sostenibili perché permette di indirizzare l’acqua solo dove serve, ovvero alla base della pianta, vicino alle radici. E’ un sistema molto più efficiente dei comuni sistemi a pioggia, che spargono acqua sull’intero campo, anche dove non è necessario, con conseguente spreco della risorsa idrica. Dove è stata introdotta questa tecnica si è registrata una riduzione del consumo di acqua compresa tra il 30% e il 60%.
Il passaggio da un metodo caratterizzato da elevate perdite ad uno capace di determinare la massima efficienza d’utilizzazione rappresenta, quindi, una strategia indispensabile per il  risparmio idrico agricolo. L’abbinamento di un  sistema irriguo alle caratteristiche della coltura e del terreno non è però mai casuale, infatti, nessun sistema irriguo si adatta perfettamente a tutte le situazioni, ma ognuna di esse richiede particolare attenzione, per individuare il sistema irriguo ottimale. Nella realtà di campo, quindi, non tutte le colture sono, per esempio, utilmente irrigabili per aspersione, e per molte altre è difficile o antieconomico passare all’irrigazione a goccia. Ogni sistema può e deve essere impiegato in maniera corretta, adottando tutti gli accorgimenti possibili per consentire il raggiungimento della sua migliore efficienza.

Argomenti speciali

  • 15 aprile 2014

    Quanto siamo ricchi…di oro blu?

    Impronta idrica, disponibilità e usi a livello planetario...

    26 febbraio 2014

    Quanta acqua c’è nel piatto?

    Impronta idrica e consumi...

    8 luglio 2011

    Indovina chi viene a cena

    Alla fine è arrivata la tanto attesa estate...

  • 4 marzo 2010

    Spazzini Biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate alla produzione di energia generata dalla combustione del petrolio.

    11 aprile 2018

    L’Italia delle fonti rinnovabili

    Il quadro delle fonti alternative in Italia...

    10 marzo 2006

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

  • 29 aprile 2013

    Gli intrusi del Mediterraneo

    Da sempre il Mediterraneo è considerato di fondamentale importanza...

    5 gennaio 2005

    Tsunami alle Maldive

    L’arcipelago delle Maldive si trova al centro...

    10 maggio 2008

    Bioindicatori ambientali

    La ricerca ecologica è sempre più orientata verso la valutazione della qualità dell’ambiente e delle sue risorse.

  • 15 aprile 2014

    Quanto siamo ricchi…di oro blu?

    Impronta idrica, disponibilità e usi a livello planetario...

    26 febbraio 2014

    Quanta acqua c’è nel piatto?

    Impronta idrica e consumi...

  • 8 luglio 2011

    Indovina chi viene a cena

    Alla fine è arrivata la tanto attesa estate...

    4 marzo 2010

    Spazzini Biotech

    Nella società moderna, più dell’80% delle attività dell’uomo sono strettamente legate alla produzione di energia generata dalla combustione del petrolio.

  • 11 aprile 2018

    L’Italia delle fonti rinnovabili

    Il quadro delle fonti alternative in Italia...

    10 marzo 2006

    Ambiente biotech

    La <strong>biotecnologia</strong> può essere definita l’applicazione della microbiologia, dell'ingegneria genetica e della biochimica al trattamento di materiali con microrganismi, cellule…

Dalla Mediateca

  • acqua

    Disponibilità di risorse idriche a livello planetario

    Guarda
  • acqua

    Il ciclo dell’acqua

    Ascolta
  • acqua

    Mappa scarsità idrica

    Guarda

Curiosità

  • L’acqua nell’organismo

    In alcuni organismi l’acqua può arrivare a costituire il 90% del loro peso totale...

  • Niño e Niña

    La <strong>corrente oceanica di Humbolt</strong> risale in direzione nord seguendo le coste...

  • Acqua in percentuale

    Solo il 3% delle riserve complessive di acqua è costituito da acqua...