Il gradiente termico verticale

La temperatura dell’aria diminuisce di circa 0.6°C ogni 100 m di quota, valore che è considerato il normale gradiente termico negli strati più bassi dell’atmosfera, ma vi possono essere delle variazioni locali. In particolare, quando masse d’aria si spostano verticalmente possono trovarsi in una situazione di disequilibrio con la temperatura dell’aria circostante, determinando zone anomale più fredde o più calde.
A volte si possono verificare situazioni di cosiddetta inversione termica, quando la temperatura, invece che diminuire con l’altezza, aumenta salendo di quota.
Questa situazione si può verificare, per esempio, quando parecchi giorni di tempo bello e stabile tendono a far stratificare l’aria in base alla densità, con l’aria più fredda e pesante a contatto con il suolo e l’aria calda più leggera in quota: questo fenomeno si verifica frequentemente in inverno sulla Pianura Padana, dove produce nebbie estese e persistenti. Inversioni termiche si possono anche verificare in valli poco ventilate, come, per esempio, la Valtellina, disposta perpendicolarmente ai venti prevalenti, dove l’aria si stratifica con l’aria più fredda nel fondovalle. Ancora, un’inversione termica si può creare quando una massa d’aria fredda si incunea al di sotto di una massa d’aria più calda. come accade in corrispondenza del fronte freddo di una perturbazione. Al di sopra delle grandi città, una situazione di inversione termica può impedire la dispersione delle sostanze inquinanti, dando origine allo smog: non a caso gli allarmi per il superamento delle soglie di inquinamento nelle nostre grandi città sono più frequenti in inverno. La parola smog deriva dai termini inglesi smoke (fumo) e fog (nebbia): si tratta infatti di una miscela di gocce d’acqua e particelle solide (in genere costituite da polveri e residui di combustione).

Argomenti speciali

  • 7 novembre 2008

    I fulmini

    L'uomo ha sempre temuto i fulmini, tanto da...

    7 luglio 2010

    Che tempo che fa

    In una bella giornata estiva di sole è possibile organizzare...

    11 dicembre 2013

    Tempeste perfette: tifoni, uragani e cicloni

    Cosa è successo nelle Filippine e in Sardegna?...

  • 7 gennaio 2006

    Nell’occhio del ciclone

    Numerosi studi confermano che il riscaldamento atmosferico...

    15 aprile 2007

    Clima e dinastie

    Altro che Attila. Il vero flagello che ha causato...

    29 aprile 2014

    Che clima fa?

    Le ultime notizie del Quinto Rapporto di Valutazione (1° parte)...

  • 30 maggio 2014

    Ultime dal clima

    Le notizie più importanti dal Quinto Rapporto di Valutazione (2°parte)

    23 ottobre 2013

    Carbon Footprint

    Un'impronta molto speciale...

    10 maggio 2008

    Bioindicatori ambientali

    La ricerca ecologica è sempre più orientata verso la valutazione della qualità dell’ambiente e delle sue risorse.

Dalla Mediateca

Curiosità

  • Il tempo sul Mediterraneo

    Il tempo sulle regioni del Mediterraneo è in genere associato...

  • 3 marzo 2011

    Che caldo!

    Quando avvertiamo la sensazione di caldo opprimente, in genere...

  • 13 maggio 2011

    I satelliti meteorologici

    Le osservazioni meteorologiche da satellite sono attualmente i sistemi più all'avanguardia...