Indicatori geologici

Non è di certo facile risalire alle variazioni di livello dei mari che si sono succedute nei vari millenni. Per poter ricostruire questo andamento si sono adottate varie tecniche geologiche, che studiano luoghi particolari nei pressi delle zone costiere.
Il mare scava alla base di una falesia un solco orizzontale sopra il pelo dell’acqua chiamato “solco di battente”, che si approfondisce nel tempo. Quando il livello del mare scende, si forma una nuova incisione. Misurando la differenza di altezza dei due segni dovuti all’erosione, si può conoscere la variazione del livello del mare.
Speleotema: quando si ha una grotta in prossimità del mare con stalattiti, si può verificare la diversa altezza del livello del mare studiando le stalattiti stesse. Infatti, quando il mare è più basso della grotta, la stalattite si accresce perché l’acqua che percola nella grotta fa depositare il carbonato di calcio; quando invece il mare invade la grotta, la sua formazione cessa, ma alcuni organismi vanno a concrezionare la stalattite. Questi animali chiamati serpulidi, possiedono un guscio costituito da carbonato di calcio che per questo può essere datato con la tecnica del radio carbonio, e quindi scoprire in quale epoca il mare ha toccato la stalattite.
Quando il livello del mare cresce, trova una particolare morfologia e quindi  forma una laguna interna molto bassa chiamata “paleolaguna”. In questa laguna si depositano sedimenti e conchiglie fossili. Quando successivamente il mare si ritira, i depositi organici si troveranno a diverse quote sulle colline. Questi depositi vengono poi datati per sapere in quale periodo il livello del mare si trovava in quel dato punto.
Il mare che sta salendo incontra un rilievo formato delle rocce facilmente erodibili, scolpisce quindi una piattaforma di abrasione a forma di terrazzo detta “terrazzo marino” e una sorta di scarpata. Dove si ha il flesso tra la piattaforma di abrasione e l’inizio della scarpata, punto chiamato “margine interno”, si può misurare il livello del mare nel passato.

Argomenti speciali

  • 29 aprile 2014

    Che clima fa?

    Le ultime notizie del Quinto Rapporto di Valutazione (1° parte)...

  • 30 maggio 2014

    Ultime dal clima

    Le notizie più importanti dal Quinto Rapporto di Valutazione (2°parte)

  • 23 ottobre 2013

    Carbon Footprint

    Un'impronta molto speciale...

Dalla Mediateca

  • aria

    Effetto serra casalingo

    Guarda

    ecosistemi

    Il disboscamento

    Guarda

    aria

    L’albedo

    Guarda
  • aria

    Scenari Quinto Rapporto sul clima

    Guarda

    aria

    Iceberg, banchise e ghiacciai

    Guarda

    aria

    Innalzamento medio del livello del mare, 2010-2100

    Guarda
  • aria

    La desertificazione

    Guarda

    aria

    Salviamo l’aria

    Ascolta

    aria

    CO2 e temperatura negli ultimi 400.000 anni

    Guarda
  • aria

    Effetto serra casalingo

    Guarda

    ecosistemi

    Il disboscamento

    Guarda
  • aria

    L’albedo

    Guarda

    aria

    Scenari Quinto Rapporto sul clima

    Guarda
  • aria

    Iceberg, banchise e ghiacciai

    Guarda

    aria

    Innalzamento medio del livello del mare, 2010-2100

    Guarda

Curiosità

  • 24 febbraio 2011

    Che fine fa il permafrost

    Nelle regioni subartiche svedesi, alcuni scienziati hanno studiato i cambiamenti...

  • 23 febbraio 2012

    Alberi “mangia” CO2

    Un faggio di 100 anni “mangia” 2,5 kg di CO2 ogni ora...

  • 3 marzo 2011

    Che caldo!

    Quando avvertiamo la sensazione di caldo opprimente, in genere...