Un marziano sulla Terra…

Nel 1700 James Hutton, padre della geologia e del pensiero scientifico moderno, ideò il “principio dell’attualismo”, secondo il quale lo studio del passato è la chiave per comprendere il presente e per tentare di prevedere il futuro. Soltanto con l’intensificarsi della ricerca scientifica sembra possibile discriminare l’influenza delle attività umane, rispetto ad una tendenza a lungo termine controllata da dinamiche naturali. Da qui l’importanza della ricerca sia come prevenzione in grado di ridurre gli enormi costi di intervento a seguito di eventi disastrosi, sia come strumento per pianificare il futuro sviluppo dei popoli, inteso come sviluppo sostenibile. Si ricordi che i cicli climatici sono sempre avvenuti nella storia del Pianeta Terra, risulta quindi necessario osservare con dettaglio e a scale differenti il passato. Infatti, come dicono gli addetti ai lavori dell’ICRAM, un ipotetico osservatore giunto dallo spazio, come un marziano, potrebbe considerare l’evoluzione del clima sulla Terra relativamente al tempo di osservazione, in maniera totalmente differente.
Ipotizziamo che al nostro marziano si sia guastata la navicella spaziale e sia atterrato su di una spiaggia terrestre di primissimo mattino. La creatura, a digiuno di astronomia, noterà come dalle ore 8 a mezzogiorno la temperatura aumenterà in modo allarmante. Cosa succederà tra poche ore? Il marziano potrebbe pensare di dover arrostire sotto i raggi del Sole, ma le ore successive, con l’arrivo del tramonto, la notte e poi il nuovo giorno, gli faranno capire che c’è un ciclo giornaliero.
Nello stesso modo osservando l’evoluzione climatica dell’ultimo secolo, si può notare una tendenza al riscaldamento globale del clima. Questo trend però rientra nelle variazioni a carattere secolare ben conosciute per tutto il periodo storico. Analogamente potendo registrare il clima per alcune centinaia di migliaia di anni, ci accorgeremmo dell’alternanza di cicli glaciali e interglaciali.
I margini di incertezza dei vari modelli matematici di previsione fino ora studiati, risultano ancora troppo elevati, mentre gli effetti locali, meno accurati delle stime globali, possono essere predominanti.
Ci sono ancora molte incertezze dal punto di vista scientifico e quindi si devono continuare gli studi per poter comprendere maggiormente le complicate dinamiche climatiche, e avvalersi di quello che viene definito “principio di precauzione”, ovvero ipotizzare il peggio per poter prevenire prima che “la cura” non abbia più efficacia. Le previsioni degli scenari pessimistici, seppur incerte, devono comunque essere considerate nelle attività di programmazione e gestione dell’ambiente. E in questo “clima” di incertezza cosa possiamo fare noi singoli cittadini? Ognuno ovviamente può dare il proprio contributo personale, basti pensare che per il Nord America le emissioni di anidride carbonica relative agli usi personali raggiungono il 25% delle emissioni nazionali, ciò equivale a 9 tonnellate di CO2 pro capite l’anno.

Argomenti speciali

  • 29 aprile 2014

    Che clima fa?

    Le ultime notizie del Quinto Rapporto di Valutazione (1° parte)...

  • 30 maggio 2014

    Ultime dal clima

    Le notizie più importanti dal Quinto Rapporto di Valutazione (2°parte)

  • 23 ottobre 2013

    Carbon Footprint

    Un'impronta molto speciale...

Dalla Mediateca

  • aria

    Effetto serra casalingo

    Guarda

    ecosistemi

    Il disboscamento

    Guarda

    aria

    L’albedo

    Guarda
  • aria

    Scenari Quinto Rapporto sul clima

    Guarda

    aria

    Iceberg, banchise e ghiacciai

    Guarda

    aria

    Innalzamento medio del livello del mare, 2010-2100

    Guarda
  • aria

    La desertificazione

    Guarda

    aria

    Salviamo l’aria

    Ascolta

    aria

    CO2 e temperatura negli ultimi 400.000 anni

    Guarda
  • aria

    Effetto serra casalingo

    Guarda

    ecosistemi

    Il disboscamento

    Guarda
  • aria

    L’albedo

    Guarda

    aria

    Scenari Quinto Rapporto sul clima

    Guarda
  • aria

    Iceberg, banchise e ghiacciai

    Guarda

    aria

    Innalzamento medio del livello del mare, 2010-2100

    Guarda

Curiosità

  • 24 febbraio 2011

    Che fine fa il permafrost

    Nelle regioni subartiche svedesi, alcuni scienziati hanno studiato i cambiamenti...

  • 23 febbraio 2012

    Alberi “mangia” CO2

    Un faggio di 100 anni “mangia” 2,5 kg di CO2 ogni ora...

  • 3 marzo 2011

    Che caldo!

    Quando avvertiamo la sensazione di caldo opprimente, in genere...