dcsimg

pubblicato il 8 settembre 2021 in energia

Celle solari flessibili, raggiunto un nuovo record

E’ stato raggiunto un nuovo successo nel campo delle celle solari flessibili: un team di scienziati svizzeri ha prodotto delle celle solari che hanno un’efficienza record del 21,4%. La ricerca è stata condotta presso i Laboratori federali svizzeri per la scienza e la tecnologia dei materiali (Empa), dove gli scienziati negli anni hanno sviluppato celle solari flessibili note come CIGS, una tecnologia che si basa sul diseleniuro di rame indio gallio (Cu(In,Ga)Se2), materiale semiconduttore composito che consente la produzione di celle solari flessibili e leggere su pellicole polimeriche. Per realizzare queste nuove celle gli scienziati hanno usano una tecnica chiamata co-evaporazione a bassa temperatura, che fa depositare un sottilissimo strato di materiali semiconduttori sopra un sottile strato polimerico. Modificando la composizione del film e i dopanti alcalini utilizzati per dotarlo di proprietà elettriche, il team è stato in grado di aumentare le sue prestazioni fotovoltaiche.

Celle solari flessibili CIGS: Crediti: Empa

Le celle solari flessibili rappresentano una grande scommessa per il futuro delle fonti rinnovabili perchè potrebbero non solo aprire nuove possibilità nella produzione di energia rinnovabile, ma anche ridurre i costi di produzione. Il problema attuale è che l’efficienza di tali soluzioni non è abbastanza elevata. A titolo di confronto, le classiche celle in silicio cristallino possono convertire la luce in elettricità con un’efficienza fino al 26,7%. Quella che ha percorso il team Empa è stata una lunga strada fatta di tappe importanti: nel 1999 è stata raggiunta un’efficienza pari al 12,8% , al 14,1% nel 2005, al 17,6% nel 2010, al 18,7% nel 2011, al 20,4% nel 2013 e poi al 20,8% nel 2019. Quest’ultimo record avvicina ulteriormente questa tecnologia alla commerciabilità.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006