dcsimg

pubblicato il 16 agosto 2021 in aria

Luglio è il mese più caldo degli ultimi 142 anni

Se tornassimo indietro di 142 anni non troveremmo un luglio così caldo come quello di quest’anno. Da quando abbiamo iniziato a monitorare con regolarità la temperatura del nostro Pianeta, infatti, mai sono state registrate temperature così alte nel mese di luglio come quest’anno. A comunicare la notizia sono stati i climatologi della National oceanic and atmospheric administration (Noaa), ovvero l’agenzia federale statunitense che si occupa deli oceani e del clima. Rick Spinrad, amministratore di NOAA, ha dichiarato: “Luglio è tipicamente il mese più caldo dell’anno ma questo del 2021 si è superato come mese più caldo mai registrato. Questo record si aggiunge al percorso inquietante e dirompente che il cambiamento climatico sta imponendo all’intero globo”.
Ecco alcuni dei numeri del mese di luglio: le temperature della superficie terrestre e degli oceani sono state di 0,93 °C superiori a quelle registrate nel XX secolo e si è raggiunta una media di 16,73 gradi celsius. Inoltre, la temperatura record registrata è di 0,01 gradi più alta rispetto al precedente record stabilito nel luglio 2016 (che tra l’altro era già stato eguagliato nel 2019 e nel 2020). Nell’emisfero nord la temperatura della superficie terrestre è stata superiore di 1,54 °C sorpassando il record precedente, sempre a luglio, nel 2012. Se guardiamo alle aree regionali, l’Asia ha il record seguita dall’Europa.
Il caldo rovente di questo luglio conferma lo scenario prospettato dal rapporto Ipcc presentato a Ginevra qualche giorno fa. A meno che non ci siano riduzioni immediate, rapide e su larga scala delle emissioni di gas serra, limitare il riscaldamento a circa 1,5°C o addirittura 2°C sarà un obiettivo fuori da ogni portata. E, ad oggi, le emissioni di gas serra provenienti dalle attività umane sono responsabili di circa 1,1°C di riscaldamento rispetto al periodo 1850-1900. Se ce ne fosse ancora bisogno, questa è l’ennesima dimostrazione di quanto sia necessario incrementare gli sforzi per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. E quanto sia necessario accelerare per raggiungere dei risultati concreti.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006