dcsimg

pubblicato il 6 novembre 2020 in acqua

Polo Nord sempre più senza ghiacci

Negli annali del National Snow and Ice Data Center (NSIDC) è stato segnato un nuovo record negativo per i ghiacci del Polo Nord. Ottobre si è appena concluso e il ghiaccio artico tarda a formarsi, tanto che la calotta polare ha raggiunto i livelli più bassi  degli ultimi 40 anni (ovvedo da quando sono iniziate le rilevazioni).

I dati rilevati ci dicono che l’estensione del ghiaccio marino a ottobre 2020 è stata appena di 5,28 mln di km2. Secondo la serie storica rilevata dall’NSIDC per il periodo 1981-2010, all’appello mancano più di 3 mln di km2 di ghiaccio artico. Il calo è omogeneo, riguarda l’intero Artico: l’estensione del ghiaccio è di gran lunga inferiore alla media in tutti i settori del lato eurasiatico, dell’Oceano Artico e nella baia di Baffin. ad arrivare a questo punto hanno contribuito anche le temperatire anomale del periodo, di 4-5°C più alte rispetto alla media mensile. Il tasso di declino calcolato dall’NSIDC si attesta adesso a più del 10% ogni dieci anni. In altri termini, ogni anno sparisce, o meglio non ghiaccia più, un’area grande come l’Austria intera.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006