dcsimg

pubblicato il 14 febbraio 2020 in

Ideati cerotti “smart” per curare i coralli malati

I coralli sono tra gli organismi marini oggi più a rischio, sono infatti minacciati dall’acidificazione delle acque, dal surriscaldamento degli oceani e dalla crescente attività umana. In particolare, l’inquinamento rappresenta un grave pericolo per i polipi del corallo e una delle cause principali di declino delle barriere coralline, poichè ne aumentata la sensibilità a infezioni fungine, virali e batteriche. Negli ultimi 50 anni si è riscontrata una riduzione dell’ecosistema corallino in tutti i mari e oceani a causa delle malattie provocate da diversi microrganismi patogeni. La tecnica più utilizzata per curare i coralli è quella di rimuovere totalmente o parzialmente la specie malata, onde evitare l’infezione dell’intera colonia.

Gli scienziati dell’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) in collaborazione con il MaRHE Center (Marine Research and High Education Center alle Maldive) dell’Università di Milano-Bicocca potrebbero tuttavia aver trovato una più efficace soluzione al problema: si tratta di  “cerotti smart” in grado di somministrare farmaci e antibiotici “corallo-mirati”. I cerotti, completamente biocompatibili e biodegradabili, possono essere applicati applicati sulle parti malate dove rilasciano in modo controllato cure e antiossidanti, proteggendo al contempo la ferita da ulteriori attacchi. Sono stati condotti prima dei test in acquario, poi in mare aperto, alle Maldive, sulla specie Acropora muricata – una tra le più a rischio indicate dall’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (Iucn) – che hanno dato risultati positivi.
Si tratta di una novità assoluta nello studio e nel trattamento delle malattie dei coralli.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006