dcsimg

pubblicato il 7 gennaio 2020 in energia

La più grande turbina eolica galleggiante inizia a generare energia

La più grande turbina eolica offshore del mondo su una piattaforma galleggiante è entrata in funzione e ha iniziato a produrre energia al largo delle coste del Portogallo. L’aerogeneratore, un MHI Vestas da 8,4 MW di potenza, fa parte del progetto WindFloat Atlantic, nato per testare la tecnologia di sfruttamento del potenziale eolico in mare a profondità superiori a 40 metri. La particolarità di questa turbina è la sua struttura semi-sommergibile, ancorata al fondale marino attraverso dei cavi, che le permette di sfruttare la ricchezza delle risorse eoliche in acque profonde e di transizione, che in precedenza erano inaccessibili. L’assenza delle tradizionali fondamenta permette quindi di implementare progetti in acque più profonde rispetto agli attuali parchi eolici offshore, riducendo l’impatto visivo e aumentando la capacità potenziale.
A regime l’impianto, localizzato a 20 chilometri dalla costa du Viana do Castelo, dove la profondità del mare raggiunge i 100 metri, sarà costituito da tre aerogeneratori – tutte unità MHI Vestas – per una capacità totale di oltre 25 MW. Si tratta di un’importante obiettivo raggiunto per il settore eolico, poichè questo rappresenta il primo parco eolico galleggiante semi-sommergibile al mondo. L’impianto dovrebbe produrre energia sufficiente a soddisfare i fabbisogni elettrici di 60mila case.

 
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006