dcsimg

pubblicato il 13 settembre 2019 in spazio

Bolle di onde radio al centro della Via Lattea

Al centro della Via Lattea si trova un buco nero supermassiccio, chiamato Sagittario A*, che ha catturato l’attenzione di un gruppo internazionale di astronomi appartenenti a 15 diversi istituzioni di ricerca. Vicino a Sagittario A* è stata osservata una enorme struttura a forma di clessidra che emette onde radio. Questa eccezionale architettura celeste, composta da due enormi bolle che sprigionano onde radio, misura centinaia di anni luce (ovvero milioni di miliardi di chilometri) sembra essere il risultato di un’esplosione energetica avvenuta nei pressi del buco nero supermassiccio della nostra galassia, milioni di anni fa. Questa scoperta è stata possibile grazie ai dati raccolti dalle 64 antenne paraboliche che formano la rete MeerKAT, dislocata nella regione semi-desertica del Karoo, nel Sudafrica settentrionale. I risultati dello studio sono pubblicati sulla rivista scientifica Nature.

La clessidra si estende dall’alto in basso della figura e la sua forma può essere intuita guardando le due grandi bolle in alto e in basso rispetto al punto centrale luminoso. Alcuni filamenti (che sono anch’essi composti da onde radio) possono essere rilevati e sono paralleli alle bolle. Crediti: Oxford, Sarao

Come ha dichiarato Ian Heywood dell’Università di Oxford, primo autore dello studio “Il centro della Via Lattea è relativamente calmo rispetto a quello di altre galassie con buchi neri centrali molto attivi. Nonostante questo, il buco nero al centro della Via Lattea può – di tanto in tanto – diventare insolitamente attivo, e dare luogo a ‘fiammate’ mentre ingloba periodicamente grandi ammassi di polvere e gas“.

Questa scoperta ci avvicina sempre più alla comprensione dei processi e fenomeni che avvengono nei nuclei, anche più luminosi, di galassie esterne alla nostra.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006