dcsimg

pubblicato il 1 agosto 2019 in energia

I trasporti in Italia sono ancora dominati dalle fonti fossili

La mobilità italiana è ancora fortemente legata alle fonti fossili e in particolare al petrolio. Infatti, secondo il rapporto GSE “Energia nel settore dei trasporti” nel 2017, nonostante una diminuzione di circa 1,2 Mtep rispetto all’anno precedente, i trasporti italiani hanno consumato 38 Mtep, il cui 92% è stato coperto da prodotti petroliferi (benzina, gasolio, gasolio, cherosene,…). Rimane marginale il contributo delle altre fonti. In particolare le fonti rinnovabili, considerando i consumi effettivi, hanno avuto un peso pari al 3,7% (2,8% i  biocarburanti e 0,9%  elettricità da  FER, fonti elettriche rinnovabili); i consumi di gas naturale sono stati pari al 2,8% mentre l’energia elettrica prodotta da fonti fossili ha coperto l’1,7%. Guardando alle modalità, invece, i consumi maggiori sono associati ai trasporti su strada (83% del totale), seguiti dall’aviazione (oltre 11%).
Il capitolo finale del rapporto GSE è dedicato ai biocarburanti immessi in consumo in Italia nel 2018: nel corso dell’anno sono stati consumati poco più di 1,4 milioni di tonnellate di biocarburanti, quasi esclusivamente costituiti da biodiesel (97%), in deciso aumento rispetto all’anno precedente (+18%).

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006