dcsimg

pubblicato il 27 maggio 2019 in energia

Dal 2021 vietate le stoviglie monouso in plastica

Il Consiglio dei ministri dell’Unione europea ha approvato la direttiva che mette al bando la plastica usa e getta, quindi, a partire dal 2021, entrerà in vigore il divieto di utilizzo di alcuni prodotti in plastica monouso per i quali esistono alternative valide. Nello specifico, i prodotti in plastica banditi saranno piatti, posate, cannucce, aste per palloncini e bastoncini cotonati in plastica monouso. Alcuni dei prodotti menzionati dalla direttiva compaiono nella lista dei dieci rifiuti di plastica che si trovano più frequentemente sulle spiagge europee. Per salvaguardare l’ambiente e il nostro Pianeta è assolutamente necessario ridurre la plastica che creiamo e utilizziamo (soprattutto quella che viene utilizzata per una sola volta o comunque per poco tempo).

I dieci prodotti di plastica che si trovano più frequentemente sulle spiagge europee. Crediti: Parlamento europeo “Plastica negli oceani: i fatti, le conseguenze e le nuove norme europee. Infografica”

Gli Stati membri si sono inoltre impegnati a raggiungere la raccolta delle bottiglie di plastica del 90% entro il 2029 (77% entro il 2025) e le bottiglie di plastica dovranno essere fatte per almeno il 25% di plastica riciclata entro il 2025 e di almeno il 30% entro il 2030. Inoltre sarà richiesta l’introduzione di requisiti di progettazione per collegare i tappi alle bottiglie.

Il voto del Consiglio avvenuto lo scorso 21 maggio segue quello del Parlamento europeo del 27 marzo e chiude definitivamente l’iter approvativo della nuova direttiva. Dopo il voto il testo sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea. Dall’entrata in vigore gli Stati membri hanno 2 anni per recepirla nei rispettivi ordinamenti.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006