dcsimg

pubblicato il 11 febbraio 2019 in energia

Il riciclo approda alle olimpiadi di Tokyo 2020

I prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020 avranno un occhio di riguardo per l’ambiente e per il riciclo, infatti le 5.000 medaglie che saranno assegnate agli atleti olimpici e paralimpici saranno realizzate con oro, argento e bronzo (lega di rame e stagno) ricavati da vecchi smartphone e altri dispositivi elettronici. Questo è l’obiettivo del Tokyo 2020 Medal Project lanciato nel 2017.


Il progetto ha visto l’ampia adesione di cittadini e aziende, che hanno permesso al Comitato organizzatore di raccogliere già a ottobre 47.500 tonnellate di rifiuti elettronici, tra cui 5 milioni di telefonini raccolti dall’operatore mobile giapponese Ntt Docomo nei suoi punti vendita sparsi nel Paese. Grazie a questa ampia partecipazione, a giugno gli si disponeva già di tutto il bronzo necessario. Per quanto riguarda gli altri metalli, la raccolta d’oro è arrivata al momento al 93,7% del totale, mentre quella dell’argento all’85,4%. Se il ritmo si manterrà costante anche nelle prossime settimane, il Comitato stima di completare il progetto entro il 31 marzo prossimo.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006