dcsimg

pubblicato il 30 ottobre 2018 in terra

Ecosistema urbano 2018

Anche quest’anno Mantova si aggiudica la prima posizione nella classifica stilata da Legambiente, con il contributo scientifico dell’Istituto di Ricerche Ambiente Italia e la collaborazione editoriale de Il Sole 24 Ore, nell’annuale Rapporto Ecosistema urbano 2018 (pdf), il dossier che, da oltre 20 anni, traccia l’evoluzione dello stato di salute dei capoluoghi di provincia italiani. Gli indicatori con cui Legambiente valuta le città italiane vanno dall’inquinamento atmosferico a quello acustico, dal clima alla mobilità, dai rifiuti alla gestione idrica, dal verde pubblico alla questione sociale. A fronte di progressi, a volte anche esponenziali, esistono infatti immobilismi preoccupanti che ci ancorano al passato. A ogni città viene assegnato un punteggio da 0 a 100, sulla base dei risultati qualitativi negli indicatori considerati.

Le prime 54 posizioni nella graduatoria di Ecosistema urbano 2018

Mantova è stata premiata con il primo posto grazie alle buone infrastrutture per la ciclomobilità, una raccolta differenziata che supera la soglia l’80% dei rifiuti prodotti, uno dei più elevati tassi di alberi e un ottimo servizio di depurazione dei reflui. Seguono nella graduatoria Parma, Bolzano, Trento e Cosenza. Per quanto riguarda le grandi città mostrano un andamento spesso altalenante. Roma, per esempio, è ridiscesa verso il fondo della classifica a partire dal 2010, posizionandosi quest’anno il 87esima posizione, dopo un’ascesa che l’aveva portata nel gruppo delle prime trenta. Torino, che era in quarta nel 1998, quest’anno si è posizionata al 78esimo posto. Milano, invece, che nel 1994 occupava la penultima posizione si posiziona oggi 23esima. Frosinone, Massa, Agrigento e Catania sono le città che hanno raggiunto i risultati peggiori, occupano infatti rispettivamente dal quartultimo all’ultimo posto in classifica.

Per approfondire: Le città più verdi d’Italia – Il Sole 24 Ore

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006