dcsimg

pubblicato il 8 ottobre 2018 in aria

1,5°C: la strada per contenere il riscaldamento del Pianeta

Occorrono “cambiamenti rapidi, di vasta portata e senza precedenti in tutti gli aspetti della società” per contenere il riscaldamento ed evitare il punto di non ritorno. Secondo il nuovo rapporto “Global Warming of 1.5°C” dell’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) sono due i punti chiave: limitare il riscaldamento a 1,5 °C (rispetto ai livelli preindustriali dalla metà del 1800) anziché puntare ai 2 °C e agire nel più breve tempo possibile. “Limitare il riscaldamento globale a 1,5° C rispetto ai 2° C potrebbe andare di pari passo con la garanzia di una società più sostenibile ed equa“, oltre che avere evidenti benefici per le persone e gli ecosistemi naturali. Lo scarto di temperatura, infatti, per quanto piccolo sulla carta, comporterebbe grandi differenze di impatto nella realtà: secondo gli esperti, per esempio, entro il 2100, l’innalzamento globale del livello dei mari sarebbe inferiore di 10 cm con il riscaldamento a 1,5 °C rispetto ai 2 °C.
Per raggiungere l’obiettivo 1,5 °C, l’energia rinnovabile dovrebbe fornire dal 70 all’85% dell’elettricità entro il 2050. La quota di energia dal gas, inoltre, dovrebbe essere ridotta all’8% e quella del carbone a meno del 2%. Eventuali emissioni aggiuntive richiederebbero la diretta rimozione di CO2 dall’aria ma il rapporto afferma anche che l’efficacia di misure di compensazione, come la piantumazione di foreste, l’uso di bioenergie o la cattura e lo stoccaggio del carbonio, non hanno dimostrato l’efficacia su larga scala e alcune tecniche di CCS potrebbero comportare rischi significativi per lo sviluppo sostenibile.
Il rapporto, chiamato anche SR15, è il frutto di un complesso lavoro di analisi e sintesi scientifica elaborata da 91 esperti provenienti da 40 Paesi, con oltre 6.000 referenze scientifiche citate 40.000 osservazioni. Il rapporto Ipccc costituisce un importante contributo scientifico per i delegati climatici che si incontreranno il prossimo dicembre a Katowice, in Polonia, per la 24a conferenza sul clima (COP24 di Katowice). “Global Warming of 1.5°C” è solo il primo di una serie di relazioni speciali che saranno redatte nel sesto ciclo di valutazione dell’IPCC. L’anno prossimo, infatti, verranno pubblicate due rapporti, uno sull’oceano e la criosfera in un clima che cambia e l’altro sui cambiamenti climatici e terra.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006