dcsimg

pubblicato il 1 agosto 2018 in terra

Isole in marcia verso la sostenibilità

Le isole sono il laboratorio ideale per affrontare, e vincere, le sfide ambientali piu’ urgenti e importanti che il Mondo ha di fronte. Legambiente, nel suo recente rapporto “Isole sostenibili” presenta l’esperienza di 32 isole, dal Pacifico all’Atlantico, dal Mare del Nord all’Australia, che puntano a uno scenario al 100% rinnovabile e i cui risultati sono stati raggiunti valorizzando le risorse naturali locali, promuovendo le economie del territorio e coinvolgendo le comunità residenti. Queste isole rappresentano un buon esempio da replicare nel Mediterraneo: sono centinaia, infatti, le isole che potrebbero muoversi in questa direzione e contribuire alla lotta ai cambiamenti climatici, le cui conseguenze spesso colpiscono proprio le isole minori. In particolare per L’Italia Legambiente ha scelto di concentrare l’attenzione su 20 isole minori   abitate e non interconnesse con la rete elettrica: Capraia, Capri, Levanzo, Favignana, Marettimo, l’Isola del Giglio, le Tremiti, Lampedusa, Linosa, Pantelleria, Salina, Lipari, Stromboli, Panarea, Vulcano, Alicudi, Filicudi, Ponza, Ventotene e Ustica. Il rapporto pone l’attenzione su come queste isole stiano gestendo l’approvvigionamento di energia pulita e acqua, lo smaltimento dei rifiuti e la mobilità.
Questi quattro temi sono le sfide ambientali più urgenti per l’intero pianeta e rispetto ai quali queste isole rappresentano un laboratorio ideale. Nonostante le apparenze, proprio questi territori – come raccontano anche le esperienze di diverse isole nel mondo – possono diventare, infatti, un modello nell’adozione di sistemi sostenibili per l’approvvigionamento di energia pulita e acqua, per la gestione dei rifiuti e per una mobilità a emissioni zero.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006