dcsimg

pubblicato il 29 giugno 2018 in energia

Plastic Free Week

Dopo Plastic Radar, continua la lotta all’inquinamento da plastica di Greenpeace con il lancio di una nuova iniziativa: la “Plastic Free Week”, che si terrà in 16 città italiane dal 3 all’8 luglio. Dal nord al sud della Penisola italiana numerosi sono gli eventi in programma, naturalmente tutti volti alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sull’inquinamento da plastica. Milano, Palermo, Trieste, Bari, Bologna, Firenze e Catania sono alcune delle 16 città in cui si svolgeranno le iniziative della Plastic Free Week. Per ottenere maggiori informazioni è possibile consultare on line la mappa delle attività in programma. Obiettivo comune degli eventi organizzati – che spaziano dalla pulizia di spazi pubblici ai picnic senza stoviglie monouso – è dimostrare che si può ridurre notevolmente il consumo di plastica, che rimane sempre troppo alto rispetto ai quantitativi avviati al riciclo. Come dimostrano dati recenti diffusi da Greenpeace, in Italia il tasso di riciclo degli imballaggi è cresciuto negli ultimi anni dal 38% del 2014 al 43% del 2017. Le buone pratiche non sono riuscite tuttavia a bilanciare l’incremento dei consumi di plastica monouso. Le tonnellate di imballaggi non riciclati inoltre sono rimaste sostanzialmente invariate dal 2014 (1,292 milioni di tonnellate) al 2017 (1,284 milioni di tonnellate), vanificando sforzi e investimenti fatti per migliorare il sistema. Oggi in Italia, di tutti gli imballaggi in plastica immessi al consumo, circa il 40%, in termini di peso, viene effettivamente riciclato, il 40% invece viene bruciato negli inceneritori e il restante 20% immesso in discarica o disperso nell’ambiente.
Ricordiamo che nel corso della manifestazione sarà promosso Plastic Radar, il servizio lanciato da Greenpeace nelle scorse settimane per segnalare la presenza di rifiuti in plastica sulle spiagge, sui fondali o che galleggiano sulla superficie dei mari italiani. Per saperne di più visitate il sito plasticradar.greenpeace.it.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006