dcsimg

pubblicato il 22 giugno 2018 in energia

Comuni Ciclabili 2018

Siete amanti della bicicletta e volete sapere quali comuni italiani offrono infrastrutture, programmi e servizi a favore dei ciclisti? Per saperlo basterà consultare il sito di Comuni Ciclabili, l’iniziativa della FIAB, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, che attesta il grado di ciclabilità di una località e del suo territorio. Le città vengono premiate con una bandiera gialla su cui vengono apposti da 1 a 5 “bike-smile”, a seconda del punteggio ottenuto grazie all’utilizzo di 11 indicatori e quattro aree di valutazione (“infrastrutture urbane”, “cicloturismo”, “governance” e “comunicazione & promozione”). L’iniziativa, nata lo scorso anno, ha già conferito le sue bandiere gialle a 69 comuni di 16 diverse regioni d’Italia, tra cui ben 17 capoluoghi di provincia, incluse grandi città come Bologna e Torino.
L’iniziativa non rappresenta solo una gara per ottenere un premio (la bandiera gialla), ma soprattutto è un utile strumento per permettere alle Amministrazioni locali di “misurare” le azioni intraprese per migliorare la ciclabilità dei loro territori. L’idea, infatti, è quella di incentivare i territori a migliorarsi sempre di più al fine di agevolare la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto in ogni occasione, dagli spostamenti quotidiani per andare a lavoro o a scuola, alle attività nel tempo libero, fino al turismo a pedali.
In questi giorni si sono aperte le candidature per l’edizione 2018, che presenta alcune novità, come per esempio la validità del riconoscimento ‘Comune Ciclabile’, che diventa biennale. Ci sono novità importanti anche tra gli indicatori di valutazione: a partire dal 2018 sarà valutata anche la presenza o meno di un assessore con delega allo “Spazio pubblico come bene comune”. Come afferma Alessandro Tursi, vicepresidente FIAB e responsabile del progetto, “lo spazio urbano è il bene comune per eccellenza delle nostre città e la bicicletta è l’unica vera soluzione per recuperarlo, tutelarlo e valorizzarlo”.
Tutte le informazioni e le modalità di partecipazione si trovano sul sito www.comuniciclabili.it.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006