dcsimg

pubblicato il 3 aprile 2018 in energia

Boom in Italia per la mobilità condivisa

Italia bike sharing, car sharing e carpooling registrano ogni hanno sempre più consensi da parte degli italiani. Fra il 2015 e il 2017, infatti, i mezzi di trasporto offerti dalla mobilità condivisa sono aumentati del 50%, garantendo così al 28% della popolazione (18,1 milioni di cittadini) l’utilizzo di almeno un servizio. Milano si conferma prima fra le città, con quasi 3.400 auto, 16.650 bici e più di 100 scooter elettrici. Il bike sharing offre oltre 39.500 bici in 265 Comuni e si attesta in prima posizione in Europa per diffusione, mentre il car sharing ha superato il milione di utenti. Nel 2017 si sono registrati 357 servizi di sharing mobility, di cui il 76% di bike sharing, con un aumento del 17% rispetto al 2016. Nell’ultimo anno il bike sharing è cresciuto del 147%, ma più di 2/3 delle bici circola in sole 4 città: Milano (44%), Torino (13%), Firenze (8%), Roma (5%). Il car sharing in Italia ha superato la soglia di un milione di iscritti, con 7.679 veicoli e 35 città interessate. Nel 2016 sono stati effettuati complessivamente circa 8 milioni di noleggi per una percorrenza complessiva di 62 milioni di km. Questi i numeri attuali del car sharing. Circa 2,5 milioni sono gli utenti del carpooling extraurbano. Aumentano i veicoli a zero emissioni: il 27% degli scooter e delle auto condivise sono elettriche. Le regioni del Sud, seppur indietro rispetto al Nord, segnano la crescita più alta (+57%). I dati sono incoraggianti anche se vi è una nota dolente: purtroppo i servizi di car sharing in Italia sono ancora concentrati per la maggior parte in poche aree urbane. Dei 7.679 veicoli in car sharing censiti al 31/12/2017, il 43% è infatti al servizio della sola città di Milano, seguita da Roma con il 24% dei veicoli, Torino con 15% dei veicoli e Firenze con l’8%.
Questo in sintesi è quanto emerge dal secondo Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility a cura dell’Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility (promosso dal Ministero dell’Ambiente e dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile) presentato nel corso della Conferenza Nazionale della Sharing Mobility in partnership con Deloitte e Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane a Roma.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006