dcsimg

pubblicato il 21 marzo 2018 in terra

20 o 21 marzo? Ecco quando inizia la primavera

Ce l’hanno insegnato a scuola: la primavera inizia il 21 marzo. In realtà, contrariamente da quanto abbiamo imparato da bambini, il primo giorno di primavera non è necessariamente il 21 marzo. Da un punto di vista astronomico, infatti, l’inizio della primavera è segnato dall’equinozio, che può cadere anche il 19 o il 20 marzo. Quest’anno, per l’undicesimo anno consecutivo, la primavera è iniziata il 20 marzo, per la precisione, alle 17:15 (ora italiana). Durante l’equinozio, il Sole si trova nel suo punto di zenit rispetto all’Equatore, determinando una perfetta suddivisione tra il giorno e la notte nell’arco delle 24 ore. Non a caso, la parola equinozio deriva da “aequa-nox“, in riferimento al bilanciamento tra le ore di luce e quelle di buio.
Perché allora siamo abituati a pensare al 21 marzo? È la data convenzionale dell’equinozio che fu decisa nel Concilio di Nicea del 325 per calcolare la Pasqua cristiana, e dalla quale partì l’ultima sistemazione del calendario – noto come calendario gregoriano – nel 1582, calendario che utilizziamo ancora oggi. Il calendario gregoriano ha il limite di non rappresentare in modo accurato l’anno siderale, ovvero il tempo che la Terra effettivamente impiega per compiere un’orbita attorno al Sole. Nella realtà, una rivoluzione terrestre è compiuta in 365 giorni 5 ore 48 minuti 49 secondi, mentre per praticità il calendario gregoriano considera una durata di 365 giorni. Quindi accumuliamo ritardo per 3 anni e poi recuperiamo tutto aggiungendo 1 giorno ogni 4 anni (anno bisestile), purché il quarto anno sia divisibile per 4 e, se l’anno è secolare, lo sia anche per 400: così l’anno 1600 ed il 2000 sono stati bisestili, mentre non lo sono stati 1700, 1800 e 1900. Il ritardo che accumuliamo fa sì che ogni anno il momento dell’equinozio sia in un orario differente rispetto al precedente, per poi venire risistemato con il giorno bisestile: l’equinozio può così cadere in un giorno compreso tra il 19 ed il 21 marzo. L’ultima volta che l’equinozio è avvenuto il 21 marzo è stato nel 2007, la prossima volta sarà nel 2102. Nel 2044 sarà il 19 marzo.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006