dcsimg

pubblicato il 29 gennaio 2018 in aria

Dossier Mal’aria 2018

Emergenza smog in Italia: anche il 2017 è stato un anno da “codice rosso” per molte grandi città della nostra penisola, a causa delle elevate concentrazioni delle polveri sottili e dell’ozono. A fotografare la situazione è “Mal’aria di città 2018“, l’annuale dossier sull’inquinamento atmosferico ed acustico nei centri urbani, presentato oggi da Legambiente. La pubblicazione è stata presentata alla vigilia del vertice di Bruxelles sulla qualità dell’aria, un incontro fortemente voluto dalla Commissiona Europea rivolto ai nove Paesi in procedura di infrazione, tra fra i quali figura anche l’Italia. Il nostro Paese rischia salatissime multe se non verranno pianificate e applicate misure risolutive in materia di inquinamento atmosferico.

Dal rapporto di Legambiente emerge che nel 2017 ben 39 capoluoghi di provincia italiani hanno superato, almeno in una stazione ufficiale di monitoraggio di tipo urbano, il limite annuale di 35 giorni per le polveri sottili, con una media giornaliera superiore a 50 microgrammi/m3. A causa delle condizioni climatiche edella conformazione geografica del bacino padano, le prime posizioni della classifica sono tutte occupate da città del nord Italia. Frosinone è la prima del Centro Sud, posizionata al nono posto. Inoltre, su 39 capoluoghi, ben cinque hanno addirittura oltrepassato la soglia di 100 giorni di smog oltre i limiti: Torino guida la classifica con il record negativo di 112 giorni di livelli di inquinamento atmosferico illegali; Cremona con 105; Alessandria con 103; Padova con 102 e Pavia con 101 giorni. Ci sono andate molto vicina anche Asti con 98 giorni e Milano con le sue 97 giornate oltre il limite.
Legambiente riporta inoltre anche la classifica dei superamenti di ozono, un inquinante spesso sottovaltato. Sono ben 44 le città che hanno superato i limiti annuali per oltre 25 giorni nell’anno solare. Guida la classifica dell’ozono Catanzaro con ben 111 superamenti, seguita da Varese (82), Bergamo (80), Lecco (78), Monza (78) e Mantova (77).

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006