dcsimg

pubblicato il 30 novembre 2017 in la vita

Superfood: medicina del futuro?

Ippocrate diceva: “fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”. In natura esistono degli elementi straordinari in grado di fornire al nostro organismo un contenuto di nutrienti superiore alla media (vitamine, minerali, fibre, enzimi, sali minerali, antiossidanti e fitonutrienti), si tratta dei così detti “superfoods”.
Inserendo sui motori di ricerca il termine “superfood” si ottengono circa 20 milioni di risultati, la lista di questi alimenti straordinari è in continua evoluzione pur tuttavia non essendoci ancora una definizione ufficiale. Il mondo scientifico scopre praticamente ogni giorno nuovi principi antiossidanti e nutrienti dentro alcuni alimenti ma non tutti sono dei reali superalimenti; è dunque importante cercare attentamente le prove scientifiche che attestino i benefici del prodotto. L’attenzione attuale sui superfood è stata probabilmente incoraggiata da un crescente interesse del consumatore sull’alimentazione e sulla salute, gli alimenti di tendenza saranno i così detti “longevity food” Per la maggior parte si tratta di frutta, bacche, spezie, e semi che contengono principi attivi particolarmente interessanti per la salute. Vediamo insieme quali sono alcuni superfoods.

Pesci
Osservando le abitudini alimentari degli eschimesi e il loro stile di vita, i ricercatori sono giunti alla conclusione che mangiando prevalentemente pesce azzurro la popolazione aveva in media meno attacchi di cuore e ictus. Da qui l’interesse per i benefici per la salute del pesce grasso. Pesci grassi come il salmone, sgombri e sardine, ricchi di omega3 (gli acidi grassi che favoriscono l’abbassamento del colesterolo cattivo a favore di quello buono), aiutano infatti a combattere le malattie cardiovascolari, il cancro alla prostata, la perdita della vista legata all’età e la demenza. Sono una buona fonte di vitamina D, proteine, alcune vitamine del gruppo B e selenio.

Pesci grassi

Mirtilli
I mirtilli contengono sostanze farmacologicamente attive come gli antocianosidi (flavonoidi). Questi principi attivi aiutano a rallentare l’invecchiamento, prevenendo i danni dei radicali liberi grazie alla loro potente azione antiossidante.
Offrono grandi benefici per i disturbi visivi. In particolare determinano un miglioramento della visione notturna, un veloce ripristino della acuità visiva dopo l’esposizione alla luce, prevenendo la degenerazione maculare, l’ipermetropia e la cataratta. L’estratto di mirtillo può anche svolgere un significativo ruolo nella prevenzione e nel trattamento di glaucoma attraverso il suo effetto sulle strutture di collagene nell’occhio. I mirtilli sono comunemente utilizzati per trattare le vene varicose. Le antocianine contenute nel mirtillo agiscono proteggendo e rinforzando la parete dei vasi capillari e venosi.

Mirtilli

Bacche di Acai
Sono delle piccole bacche di color violaceo simili al mirtillo prodotte da una palma che vive in Amazzonia. Sono considerate i frutti più nutrienti di tutta la foresta amazzonica. Risultano essere ricche di polifenoli e possiedono proprietà antiossidanti, oltre a contenere fibre, grassi polinsaturi (omega 3,6,9) e sali minerali (potassio, ferro e calcio). Contribuiscono ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e contengono steroli vegetali, preziosi per salvaguardare vasi sanguigni. Inoltre le bacche di acai sono utili per proteggere il cuore e l’apparato cardiocircolatorio.

Bacche di acai

Aronia
L’aronia contiene antociani in quantità 3 volte superiori rispetto ai mirtilli ed è per questo che è classificato come uno degli alimenti con le più alte proprietà antiossidanti. E’ ricca di polifenoli, sali minerali e vitamine; basti pensare che 100 grammi di bacche di Aronia secche donano al corpo il 93% del ferro giornaliero e il 34% di vitamina C, la quale ha anche un ruolo importante nella formazione del collagene. Rafforzano la circolazione del sangue e i vasi sanguigni, prevengono la coagulazione del sangue e diminuiscono il rischio dei problemi cardiovascolari.

Aronia

Olio di avocado
L’olio di avocado è altamente energetico e rivitalizzante grazie all’alta percentuale di acidi grassi essenziali (acido oleico 55-75%;  linoleico 9-14% acido palmitoleico 3-7%; e alfa-linolenico 0.5%). Può rappresentare un utile ausilio nella prevenzione delle malattie cardiovascolari, purché sia consumato con la dovuta moderazione e a crudo perché contiene anche acidi grassi saturi (acido palmitico 9-20%). Affiancherà l’olio di oliva e quello di cocco per condire insalate, salse e frullati.

Avocado

Bacche di Goji
Sono delle bacche rossastre originarie degli altopiani asiatici considerate il “frutto della vita”. In una singola bacca sono racchiusi tutti i principali macro e micronutrienti, i minerali essenziali, diciannove amminoacidi, sei vitamine essenziali, fibre e un’ampia gamma di sostanze nutritive, tra cui carotenoidi quali la zeaxantina, luteina, licopene.
Le bacche di Goji nutrono e rinvigoriscono l’organismo e rafforzano le difese immunitarie: sono un ottimo sostituto, 100% naturale, al classico multivitaminico di sintesi. Sono tra i frutti più ricchi di antiossidanti al mondo e per tale ragione contrastano l’attività nociva dei radicali liberi prevenendo l’invecchiamento precoce dei tessuti. Le bacche di Goji sono particolarmente ricche di Vitamina A, fondamentale per la salute e la bellezza di pelle, unghie e capelli. Ricche di carotenoidi, sono anche particolarmente utili per il benessere degli occhi. Grazie ai loro particolari principi nutritivi favoriscono l’equilibrio della glicemia.

Bacche di goji

Bacche di schisandra
Il suo nome originale è Wu Wei Zi, che significa la bacca dei 5 aromi, nativa della Russia orientale e della Cina settentrionale. Sono considerate un cibo supernutriente ed energetico, un tonico naturale per il corpo e per la mente.
I lignani (schisandrina, schisandrolo, schisanterina e gomisina) ovvero i principi attivi contenuti nella schisandra e appartenenti alla classe dei fitoestrogeni aiutano a rigenerare il tessuto epatico. Il principale componente attivo è il dibenzo-cyclo-lignani octadiene, che sembra possedere un potenziale terapeutico contro il danno ossidativo delle cellule nel cervello.

Bacche di schisandra

Semi di chia
I semi di chia vengono prodotti da una pianta tropicale originaria del Messico. Si dice che i guerrieri aztechi traessero dai semi di Chia la forza per vincere le battaglie, o che li usassero come rimedio contro le infiammazioni e le infezioni: in azteco “Chia” significa infatti “forza”. Sono una delle più generose fonti vegetali di proteine complete. La combinazione di proteine, vitamine, minerali e zuccheri nel sangue assicurano un costante livello di energia senza cali. I suoi semi sono ricchi di omega-3, in 100 grammi ce ne sono 17 di omega-3, una concentrazione molto alta e di conseguenza importante per la salute del cuore.

Semi di chia

Barbabietole
Ogni barbabietola è ricca di vitamine e minerali, ma è l’alta concentrazione di nitrati ad averla resa un “superfood”. Secondo alcuni studi, grazie alla loro presenza, il succo di barbabietola ha un blando effetto nel ridurre la pressione sanguigna. Le barbabietole hanno un’azione antianemica e rimineralizzante essendo una buona fonte di ferro e folati (naturalmente acido folico). Contengono anche betaina, magnesio e altri antiossidanti (in particolare betacyanin efficace nel bloccare le alterazioni cellulari).

Barbabietole

Moringa
La moringa è un vero e proprio “Albero della Vita” dal quale si ricava la polvere che sta diventando un superfood e un integratore apprezzato in tutto il mondo. La FAO considera la moringa un importante coltivazione tradizionale e un alimento davvero benefico per la sua ricchezza di vitamine, calcio e ferro. Le foglie contengono 90 sostanze nutrienti, 45 composti dalle proprietà antiossidanti e 36 dalle qualità anti-infiammatorie. In ognuna di esse, infatti, ci sono ben 7 volte il contenuto di vitamina C presente nelle arance, 4 volte il calcio e il doppio delle proteine del latte, 4 volte la vitamina A delle carote e 3 volte il potassio delle banane.

Moringa

Ulu
L’ulu è il frutto dell’albero del pane, grande come un melone dalla scorza verde e ruvida e dalla polpa bianca e farinosa, il cui sapore si avvicina tantissimo al gusto del pane appena sfornato. Per le sue caratteristiche nutrizionali (carboidrati privi di glutine, alto valore energetico, pochi grassi, potassio, calcio, magnesio, ferro, fibre e vitamine B1 e B3), rappresenta un alimento base per le popolazioni dei Paesi in via di sviluppo. L’ulu riesce a fornire la porzione di carboidrati di un pasto per una famiglia di 5 persone e contiene una quantità di potassio pari a quella di 10 banane! Senza dimenticare che le sue proteine possiedono più aminoacidi di quelle della soia, mentre alcune varietà di questa pianta sono ricche di antiossidanti e carotenoidi.

Ulu

Graviola
La graviola è un frutto tropicale contenente una classe di composti, le acetogenine annonacee, che si ritiene costituiscano il principio attivo. E’ considerato un antibiotico e un antidepressivo naturale. È un alimento molto nutriente dalle certe proprietà antiossidanti il cui consumo migliora notevolmente il sistema immunitario; inoltre viene utilizzato dalle popolazioni della foresta pluviale come antivirale o per combattere stati d’ansia, influenza, nervosismo, insonnia, spasmi muscolari, gastrite, ulcera e molti altri disturbi.

Graviola

Spirulina
Anche nota come Arthrospira platensis, si tratta di un’alga che vive in laghi salati con acque alcaline. La spirulina possiede molteplici proprietà nutrizionali e terapeutiche. Veniva già raccolta, essiccata e usata come cibo dalla civiltà azteca più di 400 anni fa. Grazie all’alto contenuto proteico contiene tutti e 8 gli amminoacidi essenziali, circa il 60-70% in peso secco, e per la ricchezza di vitamine (A, D, K e vitamine del gruppo B), minerali (ferro, sodio, magnesio, manganese, calcio, iodio e potassio) acidi grassi essenziali (Omega 3 e omega 6, che contrastano i livelli di colesterolo e trigliceridi) e altre sostanze nutritive. È stata proposta come alimento nutrizionale per la lotta contro la fame e la malnutrizione nel mondo è consigliata sia dalla  NASA e dall’ESA come uno degli alimenti base da poter utilizzare durante le missioni spaziali di lunga durata.
L’alga spirulina, grazie alle sostanze in essa contenute viene utilizzata soprattutto come integratore naturale per stimolare gli anticorpi del sistema immunitario. Ha effetti benefici sulla salute per la prevenzione dell’ipercolesterolemia, iperglicemia, protegge i tessuti  dai danni dei radicali liberi riducendo la tossicità di fegato e reni.

Spirulina

L’erba di grano
È fonte di proteine vegetali. Non solo aiuta nel processo digestivo, stimola il metabolismo e ha un’azione anti-invecchiamento, ma compie anche un’azione decisiva nella disintossicazione cellulare e potenzia l’energia psicofisica. Cura inoltre l’artrite, riduce la fatica, è talmente ricca di proprietà nutritive da togliere l’appetito, aiutando quindi a dimagrire, è un deodorante naturale il succo purifica dalle tossine della bocca e della pelle, pulisce il fegato, rafforza il sistema immunitario, rivitalizza e rigenera le cellule della pelle, stimola la circolazione. Fa bene anche per rimarginare le ferite: basta passare una piccola quantità di succo sulla parte lesa.

Erba del grano

Il melograno
Il melograno è ricchissimo di antiossidanti, ed è una eccellente fonte di vitamine e minerali tra cui ferro, calcio, magnesio, fosforo, potassio e, in misura minore, manganese e zinco. Favorisce la formazione di collagene, essenziale per mantenere la pelle elastica e per combattere le rughe . Grazie alle sue virtù antiossidanti aiuta a combattere lo stress ossidativo, i segni dell’invecchiamento ed è una fonte eccellente di tannini, sostanze antiossidanti che hanno effetti benefici sul sistema cardiovascolare. Gli acidi grassi insaturi, tra cui l’acido punicico e alcuni fitoestrogeni di cui è ricco, possono essere di aiuto in caso di squilibri ormonali. Grazie alle sue proprietà drenanti, il melograno favorisce la riduzione dell’accumulo di liquidi in eccesso e contrasta il senso di gonfiore e pesantezza, causato dalla cattiva circolazione.

Melograno

L’European Food Safety Authority ha valutato positivamente le basi scientifiche dei benefici alla salute apportati dai superfoods. Tuttavia è irrealistico aspettarsi che una gamma ristretta di ‘superfoods’ faccia miracoli nelle nostre diete.
Di conseguenza per poter garantire un apporto bilanciato dei nutrienti al nostro organismo, è indispensabile aumentare la gamma degli alimenti nutritivi nella nostra dieta integrando con alimenti riconosciuti come ‘super’.

Riferimenti:   

 
Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006