dcsimg

pubblicato il 23 ottobre 2017 in aria

Continua l’emergenza siccità

Questo mese che ormai volge al termine passerà per essere l’ottobre più secco degli ultimi 60 anni. Non sono basate le 3 perturbazioni che hanno raggiunto l’Italia da inizio mese a riequilibrare il deficit idrico in Italia e neanche la quarta in arrivo risolleverà questa situazione di siccità che ha avuto inizio ormai quasi un anno fa, dal dicembre 2016. Da inizio mese sono mancati all’appello 14 miliardi di metri cubi d’acqua: il deficit idrico complessivo, accumulato in 11 mesi, arriva così a 53 miliardi di metri cubi d’acqua, un volume pari a tutta l’acqua contenuta nel Lago di Garda.
Normalmente ottobre e novembre dovrebbero essere i mesi più piovosi dell’anno, ma da inizio ottobre sull’Italia è caduto dal 44% al 99% di pioggia in meno rispetto alla media di ottobre degli ultimi 30 anni. Impressionante il deficit al Nord-Ovest dove è caduto solo l’1% della pioggia, letteralmente solo qualche goccia.

A Milano e Brescia l’ultimo giorno di pioggia è stato il 17 settembre; a Torino non piove in modo significativo dal 9 di settembre. Ancor più drammatica la situazione a Cagliari e Imperia, a secco praticamente da sei mesi, rispettivamente dal 27 aprile e dal 6 maggio.
E la mancanza di pioggia non fa che aggravare la situazione inquinamento: da gennaio a metà ottobre sono ben 25 le città che hanno superato il limite di 35 giorni con una media giornaliera oltre i 50 microgrammi per metro cubo previsto per le polveri sottili (PM10). Ben 24 di queste appartengono a 4 regioni del nord Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna). La classifica è la seguente, elaborata da Legambiente sui dati delle Arpa regionali: Torino (70 giorni di sforamento), Pavia (66), Cremona (65), Padova (60), Milano e Venezia (59), Lodi (58), Reggio Emilia (56), Brescia (55), Alessandria (54), Mantova, Treviso e Vercelli (53), Frosinone e Vicenza (52), Monza (51), Piacenza (50), Bergamo e Verona (49), Asti e Modena (48), Como (46), Rovigo (45), Novara (44), Parma (43), Rimini (38).

Per saperne di più: Campagna Legambiente “Pm10 ti tengo d’occhio”

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006