dcsimg

pubblicato il 11 settembre 2017 in la vita

L’acidificazione degli oceani avvantaggia le cubomeduse?

L’anidride carbonica che emettiamo in atmosfera attraverso le nostre attività viene in parte assorbita dagli oceani, dove diventa acido carbonico, rendendo i mari più acidi. Gli scienziati di tutto il mondo studiano il fenomeno dell’acidificazione dell’oceano cercando di capire quali specie risentiranno maggiormente dell’abbassamento del pH, ma alcune potrebbero invece trarne vantaggio, come ad esempio le cubomeduse. Infatti, secondo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista scientifica Global Change Biology da un team di ricercatori statunitensi, australiani e canadesi, a causa dell’acidificazione degli oceani le cubomeduse potrebbero aumentare e avere un enorme impatto sugli ecosistemi marini. Il team di ricerca ha svolto alcuni esperimenti sulle cubomeduse Carybdea rastoni, raccolte nei mari al largo dell’Australia, e sullo zooplancton. Lo zooplacton, principale alimento di cui si nutrono le cubomeduse, è alla base delle catene alimentari marine: se le meduse dovessero proliferare potrebbero causare danni all’intero ecosistema marino. Lo zooplacton e le cubomeduse sono stati posti in due acquari, uno   contenente acqua marina “normale” ed l’altro acqua marina acidificata ai livelli previsti per il 2100. Dopo 10 giorni, hanno guardato cosa era sopravvissuto, ponendo particolare attenzione ai copepodi, scoprendo che, sia negli acquari “normali” sia in quelli acidificati, le cubomeduse avevano ridotto il numero di copepodi, rispettivamente del 37% nei primi e dell’83% nei secondi. Questo perchè i copepodi vengono probabilmente indeboliti dall’acqua acidificata e le cubomeduse ne approfittano, ma potrebbero esserci altre spiegazioni. L’esperimento evidenzia la necessità di capire meglio la dinamica delle comunità oceaniche in risposta alle mutevoli condizioni ambientali e climatiche. Infatti, se questi risultati si ripercuoteranno negli oceani di tutto il pianeta, potrebbero esserci effetti a cascata sull’intera rete alimentare oceanica.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006