dcsimg

pubblicato il 7 luglio 2017 in acqua

Imminente il distacco dall’Antartide di un iceberg grande quanto la Liguria

Ha gli occhi della comunità scientifica e dei satelliti puntati addosso da diversi anni, ma mai come in questi giorni. Si tratta di Larsen C, una piattaforma glaciale situata nella zona nord occidentale del mare di Weddell, che si estende lungo la costa orientale della penisola Antartica, da cui sta per staccarsi uno degli iceberg più grandi della storia del continente antartico. Secondo l’ESA (Agenzia Spaziale Europea), infatti, il distacco dell’iceberg potrebbe avvenire tra pochissimo, prima di quanto previsto finora: la frattura che si è creata nel ghiaccio di Larsen C misura ormai 200 km e ne mancano appena 5 fra la fine della piattaforma e l’oceano. L’iceberg avrà un’estensione di circa 6 mila km2, un’area più grande della Liguria. Secondo i dati satellitari del programma CryoSat, inoltre, l’agenzia europea ha potuto stabilire che l’altezza del ghiaccio sopra la superficie dell’oceano sarà di 190 metri, che l’iceberg conterrà circa 1.155 km3 di ghiaccio e che la profondità sotto il livello del mare potrebbe raggiungere i 210 metri.
Questo fenomeno, alla cui base c’è il riscaldamento delle acque oceaniche, è noto dal 2004 ed è monitorato dalla coppia di satelliti Sentinel-1 del programma Copernico – il progetto di monitoraggio ambientale promosso dall’ESA e dalla Commissione Europea – e da CryoSat – missione ESA lanciata nel 2010 con l’obiettivo di misurare lo spessore dei ghiacci che galleggiano sui mari che circondano l’Antartide.
Nei prossimi mesi, Cryosat giocherà un ruolo fondamentale nel seguire il comportamento dell’iceberg e monitorarne i cambiamenti. Non si sa ancora, infatti, come si staccherà il ghiacciaio, se rimarrà interò o si dividerà in iceberg più piccoli, ciò che però è importante monitorare è la rotta che seguirà, perchè potrebbe essere portato a Nord dalle correnti oceaniche oltre le isole di Falkland e mettere in pericolo le navi che transitano attraverso il canale di Drake.

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006