dcsimg

energia

Nuovi composti fotocatalitici

Con il termine “fotocatalisi” si intende un fenomeno attraverso il quale una sostanza altera la velocità di una reazione chimica. Tale sostanza, detta “fotocatalizzatore”, si attiva alla semplice esposizione alla luce, sia artificiale sia naturale.
L’esempio più comune di una reazione fotocatalitica è la fotosintesi clorofilliana. In questo straordinario processo biologico, la clorofilla rappresenta la sostanza fotocatalitica che, attivata dalla luce solare, trasforma l’acqua metabolica della pianta e l’anidride carbonica presente nell’aria nelle sostanze di cui la pianta stessa ha bisogno.
La capacità di queste sostanze di reagire sotto l’azione della luce trova, al giorno d’oggi, numerose applicazioni. Una di queste è l’utilizzo di fotocatalizzatori nei processi di trattamento dell’aria e dell’acqua, al fine di eliminare agenti inquinanti dannosi per l’uomo e per l’ambiente. Nuove nanoparticelle inorganiche (circa 20 nm), altamente fotocatalitiche e con un’elevata area superficiale (circa 220m2/g), inducono, infatti, la formazione di reagenti fortemente ossidanti, capaci di aggredire e degradare molteplici sostanze inquinanti, organiche e inorganiche.

??????????

Gli stessi ossidi semiconduttori, opportunamente diluiti in soluzione acquosa, trovano impiego nel campo delle energie rinnovabili.
Applicati su pannelli fotovoltaici, eliminano lo strato di polveri che si deposita sui pannelli, derivante principalmente dall’inquinamento atmosferico, con un conseguente aumento della loro efficienza energetica (circa il 3,5% su base annua).
Diversi fotocatalizzatori, infine, trovano applicazione anche nel settore edilizio. Se applicati su superfici esterne, svolgono una funzione protettiva. Eliminano lo sporco organico e neutralizzano la proliferazione di batteri e muffe, rendendo le superfici molto più pulite e riducendo di molto la manutenzione. Sono quindi in grado di proteggere e conservare le caratteristiche, anche estetiche, di costruzioni e monumenti.

Citazioni bibliografiche:

Con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca
 
Eni S.p.A. - P.IVA 00905811006